Attualita

 

E’ ormai risaputo che la plastica è dannosa per la salute e per l’ambiente. «Questo materiale modifica la chimica degli oceani e distrugge l’ecosistema», afferma Francesca Santoro, membro della Commissione oceanografica intergovernamentale dell’Unesco e presidente del Comitato scientifico di One Ocean Forum, l’evento dedicato alla salvaguardia degli ambienti marini. «Il problema non è solo ambientale: riguarda anche la nostra saluteGli oceani ricoprono il 70% della superficie terrestre e, insieme alle foreste, sono il nostro secondo polmone perché producono il 50% dell’ossigeno che respiriamo. Per questo vanno rispettati e salvaguardati».

Grazie ad un’evoluzione dei materiali e degli stili di vita si può uscire dal pratica ormai comune di consumo eccessivo di plastica, sotto il segno di una nuova Sostenibilità che si declina anche con gesti semplici e quotidiani. Il Consiglio di Stato dell’Unione Europea ha approvato la legge che era stata proposta dal Parlamento europeo per vietare, a partire dal 2021, la vendita di alcuni prodotti di plastica usa e getta, come posate, piatti da pic nic, cannucce monouso, cotton fioc e bastoncini di plastica per palloncini. La direttiva UE sulla plastica monouso stabilisce, inoltre, un obiettivo di raccolta del 90% per le bottiglie di plastica entro il 2019, attraverso l’introduzione di sistemi di cauzione-deposito, simili a quelli già previsti per il vetro.

Intervista al Sindaco di Casola Valsenio

Ringraziamo da subito il nostro Sindaco Giorgio Sagrini per la disponibilità. Stiamo vivendo un momento straordinario, nel senso letterale della parola, in cui abbiamo un’emergenza che sta colpendo la popolazione da tutti i punti di vista: medico-sanitario, sociale, psicologico, economico. Dall’inizio dell’epidemia in Cina all’arrivo in Italia le cose sono cambiate molto. Chi prima aveva sottovalutato la pericolosità dell’epidemia si è dovuto ricredere, i virologi improvvisati sono stai messi a tacere e via discorrendo. Per fortuna la parola sembra essere ritornata alla scienza. Se devo essere sincero sembra uno dei pochi aspetti positivi della faccenda. È rinato un forte spirito di comunità, dai balconi, dalle terrazze, dai social network. Purtroppo anche la vita della nostra comunità è stata stravolta nella percezione del pericolo, nelle abitudini, nei riti, nei rapporti famigliari e sociali, dalle imposizioni molto restrittive volute giustamente dal governo centrale.

Come sta reagendo la comunità casolana?

La preoccupazione è tanta e la consapevolezza della gravita della situazione e delle conseguenze, dopo una iniziale fase di sottovalutazione, si è affermata in tutta la popolazione.

È facile fare rispettare le regole? Prevale l’imposizione delle regole o il buonsenso?

I comportamenti dei più sono funzionali, sono utili, a favorire il lavoro di chi – forze dell’ordine, personale sanitario e medici, operatori commerciali, ecc. – è direttamente investito del compito di fare rispettare le regole.

Eccezioni a parte, che ci sono, nella gran parte dei casolani è diffuso il senso civico, e i comportamenti, come dimostra l’esperienza di queste difficili giornate, sono improntati al rispetto, alla ragionevolezza, al buon senso …ché non basta l’imposizione delle regole per fare in modo che le regole siano rispettate. Serve la condivisione, serve la comprensione dell’utilità delle norme fissate dai decreti di Governo e Regione, per sé e per tutti …e questa comprensione c’è stata e c’è.

La sensazione è che il nemico sia alle porte ma che per fortuna non abbia ancora varcato il confine. Come potrebbe cambiare la situazione se dovessimo registrare un caso a Casola? Avete preparato un piano particolare da attuare?

Che il nemico non abbia ancora varcato il confine, ad oggi non è una sensazione: è una certezza. L’auspicio è che si continui a essere immuni dal contagio e i richiami, gli appelli, le indicazioni di questi giorni per “restare a casa”, per attenersi tutti allo scrupoloso, rigoroso rispetto delle regole e delle prescrizioni, vanno in questa direzione.

E’ del tutto evidente che se si dovessero registrare casi, si dovrà fare ricorso ad azioni ancora più restrittive e ai provvedimenti di isolamento, di protezione che verranno disposti dalle autorità sanitarie e dai servizi di protezione civile.

A Casola si stanno moltiplicando le iniziative all’insegna della solidarietà (vedi la spesa a domicilio) o dell’ottimismo (anche noi de LoSpekkietto cerchiamo di fare la nostra parte promuovendo iniziative o pubblicizzando quelle lanciate da altri). Quanto è importante tutto questo?

E’ molto importante, perché rafforza il senso di comunità, di vicinanza, in una situazione in cui si deve per forza rimanere distanti. Così come è importante che a farsi promotori di queste iniziative – con tutte le accortezze e le cautele previste – siano i volontari e, in particolare, i giovani volontari.

Adesso la percezione del pericolo permette alla popolazione di sopportare bene l’isolamento, il “restiamo tutti a casa”. Se il periodo dovesse allungarsi troppo si rischierebbe di avere un problema psicologico. È possibile mettere in campo idee per alleggerire il peso della paura e dell’isolamento?

Il Servizio Civile venne introdotto nell'ordinamento italiano con la legge n. 77 del 15 dicembre 1972, configurandosi inizialmente come alternativa al Servizio Militare per coloro che si fossero dichiarati obiettori di coscienza. Con la sospensione della leva obbligatoria, è stato istituito (con la legge n. 64 del 6 marzo 2001) il Servizio Civile Nazionale, che estende la possibilità di partecipazione ai giovani di entrambi i sessi ed esclusivamente tramite adesione volontaria. I suoi principi fondanti sono partecipazione, inclusione e utilità sociale dei servizi resi. Pertanto, le aree di intervento sono riconducibili ai settori di ambiente, assistenza, educazione, promozione culturale e protezione civile. Il Servizio Civile si rivolge a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 18 e i 28 anni e permette loro di fare un'esperienza formativa di crescita civica e di partecipazione sociale, sia in Italia che all'estero. Un'altra finalità perseguita dal Servizio Civile è quella di potenziare l’occupazione giovanile, inserendo i giovani in diversi ambiti lavorativi e favorendo l’acquisizione di competenze trasversali che potranno facilitare poi l’ingresso nel mondo del lavoro.

Da qualche anno il bando di Servizio Civile coinvolge anche alcune attività presenti nel territorio casolano. Ho deciso quindi di intervistare le tre ragazze che, nel periodo compreso tra dicembre 2018 e dicembre 2019, hanno svolto il loro Servizio Civile a Casola, presso la Biblioteca Comunale e presso lo spazio compiti “Circus”. Sto parlando di Martina Nastasi, Anna Tagliaferri e Veronica Leuenberger.

 

Ciao ragazze! Innanzitutto grazie per aver accettato di rispondere a queste domande. Con Martina e Anna non servono presentazioni… Veronica, noi ci conosciamo personalmente, ma diciamo qualcosa in più su di te per chi ancora non ti conoscesse. Tu non sei nata e cresciuta a Casola… da dove vieni e cosa ti ha portata a trasferirti qua?

ANNA e MARTINA: Ciao Benny! Grazie a te per aver prestato attenzione a questo progetto!

VERONICA: Ciao! Io sono di Copparo, un paesino in provincia di Ferrara. Ho deciso di trasferirmi in montagna (non abito esattamente a Casola, ma a Monte Romano) perché la pianura non mi è mai piaciuta, preferisco vivere più isolata.

 

Avete appena terminato un anno di Servizio Civile. Cosa vi ha spinto a fare questa scelta?

ANNA: Ho deciso di intraprendere questa esperienza poiché in quel momento ero rimasta senza lavoro e allora per non stare a casa a “non far nulla”, ho provato a iscrivermi al bando. Ne avevo già sentito parlare, ma non avevo mai approfondito la cosa fino a che non mi è stato spiegato bene nel dettaglio. Una volta capito il tipo di progetto, mi sono convinta ancora di più della scelta che stavo facendo.

MARTINA: La scelta di partecipare al bando per il Servizio Civile in Biblioteca è nata dal mio interesse per la lettura e perché volevo crescere sia a livello professionale che personale.

VERONICA: Ho scelto di fare il Servizio Civile perché molti miei amici me ne avevano parlato con entusiasmo. Allora ho cercato se in zona c'era qualche posto interessante, e il paese più vicino a casa mia dove si poteva fare il SCV era proprio Casola. Dato che ero interessata a fare un esperienza lavorativa con bambini e ragazzi, ciò che ho trovato faceva proprio al caso mio!

 

Che tipo di esperienza avete svolto? Di cosa vi siete occupate nel corso della vostra esperienza lavorativa?

ANNA: Io ho svolto il mio Servizio Civile nella Biblioteca “G. Pittano” di Casola. Diciamo che mi sono occupata di molte cose, piano piano ho imparato a fare tutto ciò che riguarda la catalogazione di un libro e il prestito esterno all’utente. Ma abbiamo fatto anche delle letture con i bambini dell’asilo e delle elementari e avendo già fatto un’esperienza come animatrice turistica, mi è piaciuta davvero molto questa parte del mio servizio! Devo dire che non mi aspettavo che la Biblioteca avesse così tanto movimento, è stata una piacevole sorpresa!

MARTINA: Ho svolto Servizio Civile nella Biblioteca di Casola Valsenio, mi sono sentita una bibliotecaria a tutti gli effetti e l’esperienza che ho vissuto mi è piaciuta veramente tanto.

VERONICA: Principalmente ho lavorato al Circus, il doposcuola per i ragazzi delle medie, quindi mi sono occupata di aiutarli nello svolgimento dei compiti e della realizzazione di molti laboratori creativi. Inoltre ho seguito il Consiglio Comunale dei Ragazzi, organizzando le loro riunioni e attività. Mi sono occupata anche di organizzare e seguire le proposte di volontariato estivo "Lavori in Unione". Saltuariamente ho collaborato con la scuola primaria, creando coi bimbi uno spettacolino di teatro delle ombre e riorganizzando la biblioteca della scuola.

 

Martina, Anna, amate leggere? Se sì, questa passione vi ha spinte a scegliere il Servizio Civile in biblioteca? Dopo il Servizio Civile vi siete avvicinate ulteriormente al mondo della letteratura?

Da qualche mese a questa parte, sono state predisposte in ogni zona del paese delle aree dotate di campane per la raccolta differenziata, nelle quali i cittadini possono comodamente portare i propri rifiuti. Hanno fatto la loro comparsa la campana dell’umido e quella degli sfalci, accanto a quelle più “tradizionali” della plastica e del vetro. La carta continua invece ad essere raccolta a domicilio una volta al mese. Ogni campana è contrassegnata da un apposito cartello che riporta scritta e disegno dei rifiuti che deve contenere… A prova di dubbi e incomprensioni! Ma ciò evidentemente non basta. Ci si trova spesso di fronte a situazioni nelle quali i vari rifiuti vengono mescolati tra loro, posizionati a terra di fianco ai cassonetti o gettati a terra. In un’epoca contrassegnata da una dipendenza sempre maggiore da smartphone e internet, non ci sono più scuse. Esiste un’app bellissima, “Il rifiutologo”, che toglie ogni dubbio sul destino di riciclaggio di ogni rifiuto che produciamo. Fare la raccolta differenziata (e farla bene!) è necessario per la salvaguardia del nostro pianeta. Nella speranza di sensibilizzare ulteriormente la cittadinanza su un tema tanto importante, ho deciso di intervistare Fulvio Vanetti, membro del Consiglio Comunale molto attivo su questo fronte e impegnato nella riorganizzazione della raccolta differenziata.

 

Domanda banale, ma per molti non così scontata… perché è importante fare la raccolta differenziata?

Differenziare i rifiuti è importante per due principali motivi. Il primo è perché differenziando i rifiuti, si produce meno spazzatura che finisce nelle discariche, con tutti i problemi ambientali che ne conseguono. Il secondo è perché molti dei materiali che possiamo riciclare, vengono prodotti utilizzando petrolio, metalli pregiati e altre materie prime, operazione che comporta un dispendio notevole di energia, ma soprattutto, che sottrae risorse al pianeta. Riciclando, si rimettono appunto in circolo tutti i materiali primari, evitando di "saccheggiare" di nuovo la nostra Terra, che non ha risorse infinite.

 

Quali sono al momento le modalità di raccolta dei rifiuti? Cambieranno nel prossimo futuro e, se sì, come?

Attualmente, nel nostro Comune, come amministrazione comunale, abbiamo deciso di iniziare un primo ciclo di raccolta differenziata, distribuendo sul territorio alcune IEB (Isola Ecologica di Base), presso le quali i cittadini possono conferire i materiali, anche sfusi, purchè diffrenziati tra loro. Le IEB non sono tutte uguali. In quelle posizionate nel centro urbano, ad esempio, sono presenti i cassonetti per la raccolta della frazione umida e per gli sfalci d'erba e ramaglie, mentre in periferia, considerato che la maggior parte delle abitazioni si trova in aperta campagna, con possibilità quindi di utilizzare propri sistemi di compostaggio, si è deciso di non posizionare questo tipo di contenitori. Quindi, per il momento, anziché passare ad un sistema di raccolta porta a porta, cosiddetto "spinto", si è preferito lasciare al cittadino la possibilità di conferire i propri rifiuti senza un calendario di raccolta prestabilito. In un prossimo futuro, in accordo con Hera, si pensa di passare ad un sistema di raccolta porta a porta per l'indifferenziato e di eliminare il porta a porta attuale per la carta. Ma aspettiamo prima di vedere i risultati di questa prima fase, prima di introdurre altri cambiamenti.

 

Quali sono attualmente i dati sulla raccolta differenziata a Casola?

 

In occasione della riapertura della stagione cinematografica del Cinema Senio, prevista per ottobre/novembre 2019, ho deciso di intervistare Luigi Barzaglia, colonna portante dell’Associazione Culturale CineSenio.

Luigi, da quanti anni sei coinvolto nel Cinema Senio e come ti sei avvicinato al cinema?

Trent’anni! Quando ho iniziato eravamo in molti: mi ricordo di Rodolfo Gentilini, Enrico Magigrana, Enrico Naldi, Domenico Contoli, Armando Suzzi, Roberta Mattioli, Araldo Giorgi (il proiezionista) e tanti altri! Ho deciso di avvicinarmi al cinema non perché nutrissi una passione particolare per i film, ma perché mi affascinavano gli aspetti tecnici della proiezione: la cinepresa, le pellicole... Allora a Casola funzionavano non uno bensì due cinema(!), ovvero l’attuale Cinema Senio ed il Cinema “del prete”: si facevano addirittura due proiezioni diverse in contemporanea, anche tra settimana. In quegli anni andavano soprattutto i film western.

Com’è cambiato il cinema nel tempo?

È cambiato tantissimo! Quando ho iniziato l’affluenza era molto più alta rispetto ad oggi. Riuscivamo a riempire sia la sala di sotto che quella di sopra! Il cambiamento più grande però è sicuramente quello inerente al modo di fare il cinema: con la pellicola era molto più semplice! Ora il procedimento è stato complicato dalle nuove tecnologie, ogni film deve essere scaricato e vanno sincronizzati video e audio… C’è bisogno di qualcuno con competenze informatiche!

Qual è la tipologia di pubblico che frequenta il Cinema Senio?

Prevalentemente il nostro pubblico è composto da bambini. I ragazzini dai 13 anni in su smettono di venire al Cinema Senio, preferendo la multisala… è normale che si spostino a Faenza vista l’età, ma è un peccato perdere quella fascia di pubblico. A parte i genitori che accompagnano i figli, purtroppo anche gli adulti sono pochi. Abbiamo fatto il pieno con “A star is born”, il film di Lady Gaga, ma solitamente anche i grandi preferiscono vedere i film nelle multisale subito dopo la loro uscita. Da noi arrivano con uno scarto di qualche settimana, e ormai tutti li hanno già visti altrove.

Negli ultimi anni avete promosso “Pizza e cinema” e reso disponibile la sala per i compleanni. Pensi che queste due iniziative abbiano incrementato l’affluenza?

Sicuramente sono un incentivo per frequentare maggiormente il cinema: bambini e ragazzi possono passare una serata tra amici in pizzeria e poi venire al cinema, usufruendo del biglietto ridotto, oppure festeggiare il compleanno guardando con gli amici un bel cartone animato. Continueremo a proporre queste cose per cercare di avvicinare ancora di più i bambini e le loro famiglie.  

Quali sono le difficoltà nel portare avanti un piccolo cinema di paese nell’epoca delle multisale?

Fino al 2006 non abbiamo avuto questo problema. Poi, con la nascita e la diffusione delle multisale, ci siamo resi conto di quanto fosse difficile portare avanti un cinema di paese… soprattutto di un paese di collina! Ormai siamo rimasti gli ultimi. Le spese da sostenere sono tante e spesso fatichiamo a coprirle tutte: spesa per il noleggio del film, per il corriere, per le locandine, per la SIAE, per il riscaldamento… dobbiamo ringraziare il Comune perché si fa carico delle utenze, ma le spese residue rimangono comunque tante.

Quanta importanza hanno i volontari nel portare avanti l’attività del cinema?

I volontari sono tutto! Al momento sono impegnate una decina di persone, tutte volontarie, ma le cose da fare sono tante e ci vorrebbe una squadra ancora più numerosa! Ci vuole qualcuno che prenoti i film, qualcuno esperto in nuove tecnologie che si occupi di scaricarli, qualcuno esperto in burocrazia per fatture e permessi, qualcuno disponibile ad accendere il riscaldamento ogni pomeriggio prima della proiezione, qualcuno che ritiri i film agli orari prestabiliti dal corriere, qualcuno che si occupi della biglietteria… da fuori potrebbe sembrare un lavoro semplice, ma non lo è affatto!

Non solo cinema… Ma anche concerti, spettacoli e proiezioni fotografiche.

Quando ho iniziato, al Cinema Senio si organizzavano delle feste grandissime, soprattutto di Carnevale! Si ballava e ci si divertiva… E per noi era un’ulteriore fonte di guadagno che ci consentiva di portare avanti il Cinema. Oggi tutte le iniziative sono organizzate dal Comune o dalle altre Associazioni - noi purtroppo non abbiamo le risorse per dedicarci anche ad altro oltre alle proiezioni cinematografiche.

Un ringraziamento speciale a Luigi per questa intervista ma soprattutto per l’impegno profuso nel corso di tutti questi anni nell’Associazione CineSenio! È grazie a lui se ancora oggi possiamo vantare una sala cinematografica a Casola nonostante le difficoltà. Tutti coloro che volessero dare un contributo possono offrire un po’ del loro tempo per dare una mano ai volontari: il cinema a Casola è una grande risorsa che non può andare persa!

Grazie anche al Circolo Fotografico Casolano per aver fornito queste spettacolari testimonianze fotografiche (appartenenti alla serie di fotostoria casolana di Sbarzaglia Gianpaolo), che raffigurano come il cinema sia veramente cambiato negli anni, mantenendo però intatta la magia delle luci che si spengono e dello spettacolo che ha inizio sul grande schermo.

Benedetta Landi

Venerdì 13 Aprile 2018 - E’ ENRICO FINOIA, IL GRAFICO MIGLIORE
Enrico Finoia, casolano, allievo dell’Istituto A. Oriani di Faenza : indirizzo Grafico classe 3° A-Graf ha vinto il concorso di idee promosso dallo Studio Legale Quadruccio - che opera a Bologna e a L’Aquila - per la realizzazione di un marchio identificativo dello Studio.
Lo Studio ha promosso il concorso interno alla classe 3° A-Graf con la collaborazione della professoressa Trivisone.
Tre sono state le creazioni promosse fra le quali, prima arrivata, è stato proprio il marchio ideato e realizzato dal nostro giovane concittadino Enrico Finoia che è stato premiato con un riconoscimento del valore di 150 euro.
Lo studio legale ha ritenuto che Finoia abbia risposto pienamente proprie richieste che puntavano ad un marchio di tono serio e professionale e sobrio. Finoia ha specificato che con la sua creazione è riuscito a progettare un marchio semplice ma dal tratto deciso. Un monogramma che deve comunicare il senso della decisione , infatti un avvocato deve essere deciso , coinvolgente, semplice e dinamico per muoversi con efficacia nel campo giuridico ed amministrativo , area di competenza dello Studio Quadruccio. Il logo, per chi fosse interessato, è visibile nel sito dello studio.
Ora a Finoia, sempre attraverso le iniziative della sua scuola, spettano altri impegni, infatti l’Azienda Agricola Casadio di Brisighella ha promosso un concorso per la progettazione dell’etichetta della prima bottiglia del vino “Abisso” della tenuta.
 
Pubblicati i biglietti vincitori della lotteria di S.Antonio 2019 di Casola Valsenio,
che sono consultabili a questo link -->> CLICCA QUI
 
a disposizione anche una versione in  ->> ORDINE NUMERICO CRESCENTE, PER UNA PIù VELOCE CONSULTAZIONE <<-

Il 7 gennaio è nato il primo canale dedicato esclusivamente a Casola e si chiama Casola On Demand. Sarà il canale di riferimento per tutti i video che saranno realizzati e che sono stati realizzati e completamente visibili a tutti. L'obiettivo è quello di rendere disponibile alla cittadinanza e al web, le immagini del territorio di Casola, passate e future grazie anche al ricco catalogo personale del sottoscritto, e sarà aperto a chiunque voglia utilizzare il canale On Demand per video che si è auto-prodotto. Sarà infatti raccolta una selezione dei video più importanti di manifestazioni, cortometraggi e lungometraggi del cineoperatore Matteo Bellini e sarà anche aperto a chiunque voglia rilasciare progetti che ha auto-prodotto.  Il canale è visibile su qualsiasi dispositivo (smartphone, tablet, PC, game console e Smart TV) grazie all'app You Tube. Nel complesso CASOLA ON DEMAND è il canale BASIC e potrai vedere: – una selezione della raccolta personale di Matteo Bellini; – i video auto-prodotti da chiunque voglia utilizzare il canale; – una selezione dei contenuti sarà in HD; – i contenuti saranno visualizzabili in un arco temporale tra i 7 e i 30 giorni a seconda del genere di video caricato sul canale; – verranno caricati 3 video ogni 2 settimane; – una selezione dei video della sezione Box Series disponibile prossimamente; – una selezione dei video della sezione Casola Originals disponibile prossimamente. A marzo 2019, verrà lanciato un secondo canale e sarà riservato agli iscritti al canale base. Ulteriori dettagli saranno disponibili prossimamente. Per chi fosse interessato a rilasciare progetti video auto-prodotti che siano stati realizzati a Casola, scriva un messaggio privato sulla pagina Facebook di Casola On Demand e per qualunque altro tipo di informazione, consulta le FAQ sulla pagina stessa. La premierè si terrà il 7 gennaio alle ore 20.30 sul canale di Casola On Demand e sarà svelato il 22 dicembre in anteprima sulla pagina Facebook i primi minuti del primo contenuto che inaugurerà il canale. In alcuni locali pubblici di Casola (Biblioteca Comunale e Cucina Centralizzata) sono disponibili le informazioni per cercare le pagine ufficiali del canale.

Matteo Bellini

Sono quasi le 15 della prima domenica di novembre. E’ il 4 novembre: una ricorrenza particolare perché cent’anni fa finiva la prima guerra mondiale con la sua scia di lutti e tristezze.

Anche i casolani sono tristi oggi pomeriggio, ma per un altro motivo: se ne sono andati gli speleo con la loro scia di mostre, convegni, sapori e colori. Erano 2470 ( registrati in segreteria), hanno invaso il paese e se ne sono andati in poche ore senza lasciare scie di cartacce, plastica o tracce di inciviltà consumistica.

I casolani che si sono aggregati al loro incontro internazionale e che hanno ritirato il loro braccialetto blu sono stati 1170, mica pochi.

A botta calda abbiamo ascoltato le impressioni e i pareri per strada sotto forma di flash.

Ore 15,30, in segreteria cioè il valico, la frontiera d’arrivo del popolo speleo: Stefano Olivucci, presidente del comitato organizzatore e di Speleopolis: siamo contenti dell’esito, un bel risultato. A organizzare un evento del genere quanto tempo ci vuole? Abbiamo cominciato a pensarci tre anni fa. Il progetto doveva avere contenuti e proposte corpose per sensibilizzare enti pubblici e associazioni senza il cui contributo è impensabile la realizzazione. Come mai questo titolo? Il titolo viene da una frase di Giovanni Badino un nostro caro amico speleo scomparso proprio lo scorso anno: per i geografi i fiumi nascono dalle sorgenti, per gli speleologi dalle nuvole. Ci è piaciuto ed è stato un modo per averlo ancora fra di noi. Abbiamo notato un salto qualitativo sul piano dei contributi scientifici e dei convegni. L’adesione della società speleologica Europea e dell’Unione internazionale ci hanno permesso di creare appuntamenti a livello internazionale come il convegno di soccorso speleo che ha registrato la presenza di 16 paesi europei. Immaginiamo la fatica e l’impegno tuoi e di tutti gli altri volontari: Stefano, lo rifareste? Questi sono eventi unici, non ripetibili. Coinvolgono idee, energie, risorse e tante persone da tanti posti diversi. Rifarlo? Certamente sì ma non abbiamo nessun programma né idee sul futuro.

Ore 11, 40, per strada, Max Goldoni, animatore di Speleonotte. Il tuo spazio era ospitato nel tendone di Speleo bar Romagna e abbiamo notato una buona frequenza nonostante la concomitanza con altri concerti serali. Sì, questa formula nata ormai otto anni fa come format di frontiera dove la speleologia diventa narrazione in prima persona con una carovana di interventi spesso a cavallo del cabaret è stata seguita fino a tarda sera.

Ore 14,45 sui tavoli dello Speleo bar Romagna, Bruno Boni, Presidente della Pro Loco: eccellente la collaborazione fra tutto il volontariato casolano che ha creato fruttuose sinergie nel rispetto delle identità.

Ore 14,30 dietro la cucina dello stesso stand, Giorgio Sagrini, presidente del comitato di Gemellaggio: c’è sempre stupore quando eventi di tale partecipazione riempiono il paese. Come comitato siamo riusciti a invitare il sindaco e l’intero consiglio comunale di Bartoloma che hanno partecipato con una delegazione di 25 persone. Il meteo non ci ha permesso di visitare Monte Battaglia ma i nostri ospiti sono rimasti lo stesso stupefatti dal ruolo del nostro volontariato all’interno dell’evento. Come stand abbiamo lavorato unendo le forze con la Pro Loco ed è stata una formula molto apprezzata in termini di rapporto qualità/prezzo e tipicità gastronomica.

Ore 15,45, Mirka Mnducci, responsabile del Distaccamento volontari dei Vigili del Fuoco di Casola, davanti al tunnel di via Soglia con una squadra di pompieri: poche parole: straordinario evento di partecipazione e di belle persone che vogliono e sanno incontrarsi.

Ore 11,03 Massimo Capirossi, staff tecnico dell’organizzazione, davanti al CRAL: per fortuna l’impiantistica ha retto bene, pochi problemi e risolvibili.

Ore 11,13, un casolano, davanti a Ciata: un buon livello nei convegni e nelle comunicazioni scientifiche ma l’inglese i casolani lo masticano a fatica. Però non ce ne siamo persi neanche uno..

Ore 12, Michele Sivelli, responsabile della biblioteca della società nazionale di speleologia, davanti alla chiesa ex Suffragio che ospitava il polo librario dell’incontro: ottima location, un bel locale nel centro storico che ha valorizzato la buona partecipazione del nostro pubblico. Tanti visitatori dal centro europa.

Ore 11, Gruppo di speleo veneti in piazza Oriani: i raduni speleo li frequentiamo tutti e qui a Casola è già terza volta che veniamo. Nello scenario degli incontri non solo italiani di speleologia Casola stacca per qualità di accoglienza. C’è una simbiosi fra il casolano e lo speleo: ormai facciamo fatica anche a noi a distinguere l’ospite dall’ospitato. Poi è notevole il fatto che tanti privati aprono i loro ambienti a ospitare mostre e installazioni.

Ore 11,05, Nicola Iseppi, sindaco di Casola, di fretta davanti al monumento ai caduti al termine della commemorazione per il giorno dell’Unità nazionale e delle forze armate: solo cose positive.

E questo è il commento, breve e lapidario, che tutto il paese penso possa sottoscrivere.

Ho cercato Biagio, vero sindaco di Casola/Speleopolis. Ore 8,05: era sul muletto intento a trasportare pacchi di panche. Ore 9,45: era di corsa. Ore 10,30: era sulla Panda verde e carrello stracarico. Ore 12,12: era ad aiutare il carico di speleo in partenza….

Come Spekkietto torneremo sull’evento, lo merita, e partiremo proprio da Biagio che oggi e non solo, ha avuto solo fatti e poche parole. Lo merita.

 

Roberto Rinaldi Ceroni

Camminavo come un fantasma, che vaga, nei recessi della propria anima...

Là fuori, dove scorre la vita, mi prendesti per mano...

Vivevo in una stanza, che sembrava fatta di soffitto e buio...

Sembrava che qualcuno ti avesse strappata da un sogno...

Quella stanza, come un'onda travolgente, si fece di soffitto e luce...

Toccare il tormento di qualcuno, ti aiuta a capire che non sei solo...

Ti presi la mano...

Come un lampo, mi ricordai dell'enormità dei gesti piccoli...

Quella stanza, era in cima...

Era l'unica, che aveva avuto in sorte la magia misteriosa dell'amore...

E lì, seduti, si condivideva l'anelito al divino.

rl

 

Carissimi lettori, partiamo dalla fine, ovvero da quel luogo in cui ogni casolano prima o poi (ovviamente si spera sempre molto tardi) si dovrà recare. Di cosa si tratta? Della Buratta, del camp sant, molto più banalmente del cimitero. Se vi sarà capitato di farci un giretto senza dover necessariamente percorrere la strada che porta alle tombe dei cari defunti, avrete notato che nell’arcata alla destra della chiesetta che si trova in posizione centrale, è possibile notare una lapide marmorea con la parola latina FAMAEDIUM. Ecco, che cos’è un famaedium? La parola rimanda al latino ma non è esattamente una parola latina nel senso che non esisteva al tempo degli antichi Romani e risale al XIX secolo. FAMAEDIUM è una parola composta da FAMAE e da AEDES. FAMAE significa fama (non fame, mi raccomando. Per chi ha qualche reminiscenza della lingua di Cicerone e Catullo possiamo ricordare che si tratta del caso genitivo) , mentre AEDES in latino significa tempio (si tratta del caso nominativo). Unendo la traduzione delle due parole il risultato è TEMPIO DELLA FAMA. E quindi? Quindi è quella parte del cimitero che ha lo scopo di raccogliere i resti degli uomini illustri di quella città. Originariamente il FAMAEDIUM, nella nostra lingua italiana FAMEDIO, si trovava solo nei grandi cimiteri delle grandi città, ricordiamo in particolare quello di Milano  dove sono sepolti tra gli altri Alessandro Manzoni, Carlo Cattaneo e Franca Rame, solo per citarne alcuni. Per trovare un famedio basta poi andare anche nella vicinissime Bologna e Faenza.

Mi è parso interessante e significativo il fatto che anche nel nostro cimitero si trovi un famedio, un luogo quindi della cultura della memoria e del riconoscimento dell’importanza di alcune figure della nostra  storia casolana. Chi troviamo nella nostra casa della fama? Giuseppe Pittano (Pecio), Romano Ferri, Michele Russo, Giovannina Acquaderni, Giulio Cavina. Chi sono? Non resta che farvi un giro e scoprire nella brevità e a volte pomposità delle iscrizioni il motivo della loro presenza in quel luogo così significativo per Casola.

1891: Un distinto baffuto signore di Forlimpopoli, tale Pellegrino Artusi, pubblica La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, volume che dietro l'apparenza di sfizioso ricettario cela uno sguardo beffardo e indagatore sui 71 anni d'Italia che l'autore ha vissuto.

2017: Sotto i portici della Turrita, un pasciuto personaggio dal colorito avvinazzato decide di rendere omaggio all'Artusi mettendo al lavoro i propri ragassuoli della Bottega Finzioni. Quell'uomo è Carlo Lucarelli, e il risultato della sua risoluzione è Misteri e manicaretti con Pellegrino Artusi. Sebbene non sia un libro destinato a scalare le classifiche mondiali, merita indubbiamente attenzione: è molto divertente leggere del celebre cuoco e gentiluomo indossare i panni di investigatore e risolvere casi piuttosto intriganti collegati alla santa pappa - da un pasticcio di maccheroni rivelatore ad un coriaceo minestrone, ci sarà da affilare le posate. La principale attrattiva di questa simpatica raccolta, tuttavia, è l'aver conservato intatto lo spirito dell'opera originale: sullo sfondo delle vicende narrate prende forma una nazione giovane, vitale, in piena espansione, descritta dal punto di vista di un arguto galantuomo di vecchio stampo nonché notoria buona forchetta - a tal proposito, merita un applauso ciascuno dei 21 autori coinvolti, capaci nel complesso di restituire un Pellegrino Artusi intrigante e originale.

In ultima analisi, una lettura consigliata a tutte le persone di sano appetito.

Letterario, naturalmente...

La stazione meteorologica dell’istituto agrario Scarabelli è ,per la nostra zona, una fra le più antiche in attività. La prima fu installata nel 1926, ma col passaggio del fronte durante la seconda guerra mondiale, tutti i dati furono persi quando i tedeschi in ritirata fecero brillare gli edifici e con essi tutta la documentazione conservata.

 La raccolta dei dati riprese nel 1945 con l’installazione di un nuovo centro meccanico-analogico; poi dal 1994 ha preso avvio la rilevazione con attrezzature digitali che tutt’ora procede ininterrottamente. La  meteorologia ha un ruolo centrale nella didattica in particolare l’agrometeorologia cioè quella branca che si occupa più in particolare dell’analisi delle grandezze e delle variabili di ordine agronomico. Anche quest’anno l’istituto ha pubblicato l’annuario del 2017  che comprende, oltre all’analisi dell’andamento climatico, anche diversi contributi per aiutare a capire le conseguenze dell’impatto dei mutamenti climatici su diversi aspetti dell’ambiente e delle attività umane.

 Il testo del servizio veterinario dell’ASL di Imola descrive le criticità degli ecosistemi acquatici fortemente condizionati dalle prolungate siccità ma anche dalle piene irruenti che modificano gli habitat fluviali. L’entomologo Aldo Pollini spiega quanto l’aumento delle temperature incida sul mondo degli insetti, animali eterotermi incapaci cioè di regolare la temperatura interna, i cui cicli biologici sono strettamente in relazione con il clima. Il tema si collega anche con l’ingresso di specie a diffusione più mediterranea ma che stanno aumentando il loro areale di diffusione. Nella coltivazione del pomodoro, ad esempio, già da qualche anno sono segnalati due insetti dannosi che dalle regioni meridionali si sono progressivamente diffusi verso quelle settentrionali.

La relazione del gruppo micologico imolese spiega come  la mancanza dello shock termico e della copertura nevosa incidano sulla buona nascita delle “ spugnole” ( Morchella spp) ma soprattutto come la maggiore incidenza dell’anticiclone africano ( alte temperature e alta ventosità) sia un evento negativo per tutti i miceti: il dato certo è che siamo in presenza di un generale stato di sofferenza dell’ecosistema bosco, della sua biodiversità e del suo equilibrio.

Nell’annuario sono presenti anche due relazioni dei consorzi di bonifica di pertinenza del nostro territorio: la bonifica renana e il consorzio di bonifica della Romagna occidentale. Entrambi descrivono gli interventi in cantiere o già realizzati per far fronte alle due categorie di eventi estremi che caratterizzano il clima di questi ultimi anni. Da una parte il rischio idraulico legate alle intense precipitazioni concentrate in brevi periodi e dall’altra la siccità estiva. L’attività dei consorzi di bonifica è indirizzata alla costruzione di casse di espansione e alla realizzazione di invasi di grande o media capacità in grado di tesaurizzare l’acqua nei periodi invernali e distribuirla alle aziende agricole durante il periodo estivo.

Infine qualche commento sull’andamento meteorologico locale del 2017.

Si conferma la tendenza al rialzo delle temperature:  media annua di 15,4° con un picco massimo di 43,8° il 4 di agosto. Le precipitazioni sono state abbastanza scarse: mm 666 contro una media di mm 785. Abbiamo avuto un lungo periodo siccitoso da marzo fino a ottobre con una piccola interruzione a settembre.

Soprattutto le piogge si concentrano in brevi periodi con intensità anche eccessive. I  giorni piovosi non sono numericamente di meno rispetto alla media ma con precipitazioni scarse che non migliorano il bilancio idrico delle piante. Spesso anzi creano più disagio per l’alta umidità che ne consegue.

Il vento: il 2017 è stato un anno abbastanza ventilato con raffiche violente intorno al 15 dicembre che perfino a Imola sono state da record ( 103,7 km/h).

Nell’annuario sono dettagliate le serie storiche dal 1946 ad oggi relativamente alle precipitazioni ( pioggia e neve), alla media delle temperature estive e autunnali, ai picchi delle massime e delle minime e all’analisi di altre grandezze. Per chi fosse interessato l’annuario è scaricabile dal sito dell’istituto.

   Roberto Rinaldi Ceroni

pittura organizzato dall’associazione casolana “Creativi sopra la media”. Lo scorso anno, nel suggestivo contesto del parco del Cardello, la vincitrice è stata la giovane Barbara Bellini, oggi imolese ma che ha vissuto a Casola i primi anni della sua vita. Barbara ha vinto con un bellissimo dipinto che riportiamo in fotografia. Impressionati dal suo lavoro le abbiamo rivolto alcune domande, curiosi di scoprire il suo mondo artistico.

Nella tua esperienza personale che cosa ha fatto scattare la molla di prendere in mano gli strumenti della pittura ed iniziare a dipingere?

Quando è nata questa passione? Quali sono state fino ad oggi  le tappe più importanti?

Non saprei esattamente quando è successo, quando è scattata la molla come mi dici tu. Tutti in famiglia disegnano, chi più e chi meno; ho visto spesso mia zia dipingere quadri di Van Gogh, i suoi preziosissimi quadri di Van Gogh appesi per tutta la casa che potremmo o non potremmo avere fatto cadere… E ho visto mia mamma dipingere disegnare e ridipingere nature morte e i suoi amati girasoli che non molla mai. Mi ricordo precisamente però del primo ritratto che ho fatto, ero a casa di mio padre in salotto, avevo probabilmente 14 anni e mi aveva spronato a fare qualcosa di diverso da tigro, Lilo e Stich (avevo visto mia cugina Mayra in Messico disegnarlo su un blocco da disegno ed ero rimasta senza parole, avevo 11 anni e sono tornata a casa con quell’album), Pokemon e quei tatuaggi tribali che andavano di moda, perciò mi ha passato una mia fotografia di quando avevo 4 anni più o meno, che mi ha scattato nella vecchia casa in giardino, nascosta dietro ad un fiore giallo, devo dire che sono rimasta stupita da quanto ci somigliasse a lavoro finito. Poi per molto tempo sono stata lontana dai volti, mi venivano strani, con occhi che non si sapevano mettere d’accordo su dove guardare ed il resto dell’espressione forse un pò distorta, altroché Picasso. Perciò sono passata da paesaggi pochi, a Leoni, molti. Spronata di nuovo dai professori di un corso all’università aperta di Imola di usare fogli più grandi e da me stessa a buttarmi che tanto, di tempo a pensare sopra ce ne passavo comunque, la paura del foglio bianco non è da sottovalutare. 

Come descriveresti la tua pittura?

Se dovessi descrivere la mia pittura direi controllata, nonostante finisca per sporcare muro, mobili, persone e facce la mia compresa, a volte per alcuni dettagli mi fondo il cervello, riempiendolo di ma, se e forse, avrei potuto farlo diverso, aggiungere, togliere, spostare..ma lo faccio o non faccio, e se è troppo? Però poi rimane vuoto. Poi, prima o poi mi decido, mi prendo da sola per sfinimento perché magari sto già disegnando dalle 4 di pomeriggio e sono le 2 di notte.

Mi piace e mi viene naturale disegnare, intendo disegnare e basta, non per forza bene, se devo improvvisare qualcosa dal nulla come tante persone ti chiedono di fare quando imparano che sai disegnare, mi rifiuto, perché su due piedi non riesco, mi viene molto difficile, finisco per fare ghirigori a caso e fiorellini stilizzati. Ho bisogno del mio tempo, mi piace ma allo stesso tempo è frustrante, perché sono un po’ "troppo perfezionista" quando disegno, mi hanno detto, che è vero ma non riesco a fare diversamente. Mi piacerebbe poter prendere il carboncino e lasciarlo scorrere sul foglio e creare qualcosa, come ad alcuni succede, ma non succede. Le tappe più importanti direi di averne fatto una cosa mia per me, che poi può piacere e non piacere, ma è principalmente per me e non avere troppa paura di attaccare il foglio che ora è diventato più grande un A4.

Hai vinto la scorsa edizione del concorso "Inquadra". Ci puoi presentare la tua opera (riportata nella foto)?

 

Per il quadro del Concorso ho preso spunto da un ritratto che ha scattato un fotografo olandese, trovato per caso tramite Instagram, normalmente si occupa di fotomontaggi di suo figlio in ambienti fantastici, popolato da animali e devo dire da idee alle volte pazzesche, questa era una delle poche in bianco e nero, completamente differente dei suoi soliti lavori, l’ho salvato tempo fa, molto prima del concorso, promettendomi come con tante altre foto che l’avrei prima o poi disegnato, in ritardo come sono sempre a fare qualsiasi cosa, a due settimane dal concorso sono andata a spulciare la cartella e l’ho trovata in mezzo a diverse, sempre in attesa e ho deciso di farlo. Una settimana dopo, ovvero il giovedì, due giorni prima del concorso, ho gettato giù le basi, venerdì ho iniziato a colorare un angolino minuscolo, sabato in piena disperazione ho colorato, colorato e colorato, quasi non stop, mi sono fermata a cena dove non sapevo se bere vino perché dovevo rimanere lucida perché dovevo assolutamente finire,  o berlo proprio per quello. Ero indietro parecchio e mancavano praticamente ore, ho continuato a disegnare fino alle 4 di notte, la mattina avevo promesso di svegliarmi alle 7, ma alla fine erano quasi le nove, due ore piccolissime per finire di disegnare e ritoccare gli ultimi dettagli. Ne è valsa la pena, fino all’ultimo, però magari quest’anno inizio prima, almeno così mi dico, almeno così non arrivo ad iscrivermi che sembro uscita da un camino. E certo c’è da dire che anche questa è stata una Tappa, non me l’aspettavo e mi è venuto un mini-infarto, se vogliamo dirlo. Mentre mi facevano la foto col quadro tremavo, magari c’è chi non ci ha neanche pensato, mi hanno premiato per qualcosa che ho fatto io, io. Ce l’ho fatta sul serio? Era quello che pensavo tra le orecchie che ronzavano e la mia famiglia che aveva deciso che contenersi dall'esultare è una cosa per altri.

Comunque nel caso in cui, mi mamma ormai lo mostra a qualsiasi persona entri in casa come sia suo figlio, bello cementato al suo muro che dal di lì non se ne va, non come uno dei leoni che avevo disegnato che se n’è andato più di 5 anni fa nella valigia di mia zia verso il Messico. L’ho saputo dopo.

 

Un sincero grazie a Barbara per la disponibilità

Riccardo Albonetti

 

Pubblichiamo di seguito i risultati Elezioni Politiche 2018 di Casola Valsenio
 
 
           
Candidati Uninominale Camera 2018  
      voti %  
PD Partito Democratico Marco Di Maio 529 33,5  
Civica Popolare  
Insieme  
+ Europa  
MOVIMENTO 5 STELLE De Bellis Annam. 365 23,1  
 
Noi con l'Italia UDC Andrea Cintorino 553 35,0  
Forza Italia  
Lega  
Fratelli d'Italia  
Candidati Uninominale Senato2018  
      voti %  
PD Partito Democratico Stefano Collina 499 34,0  
Civica Popolare  
Insieme  
+ Europa  
MOVIMENTO 5 STELLE Ruffilli Alessandro 335 22,8  
 
Noi con l'Italia UDC     520 35,4  
Forza Italia Alberghini  
Lega Masssimiliano  
Fratelli d'Italia      
 
 
 
Dati esposti nella bacheca del PD        
ELEZIONI POLITICHE 2018 camera senato
partiti voti % voti %
DESTRE UNITE Forconi     1  
IL POPOLO DELLA FAMIGLIA 10 0,6 11  
PARTITO REPUBBLICANO 3 0,2 4  
POTERE AL POPOLO 10 0,6 10 0,7
CIVICA POPOLARE Lorenzin 17 1,1 10 0,7
INSIEME 6 0,4 5  
+ EUROPA 31 2,0 27 1,9
PD Partito Democratico 459 30,0 445 30,9
Per una sinistra Rivoluzionaria 3 0,2 4  
PARTITO COMUNISTA 20 1,3 20 1,4
CASA POUND 10 0,6 5  
LIBERI E UGUALI 64 4,1 52 3,6
FORZA NUOVA - FIAMMA 6 0,4 5  
MOVIMENTO 5 STELLE 347 22,6 335 23,2
FORZA ITALIA 165 10,7 149 10,3
LEGA 335 21,8 325 22,5
NOI CON L'ITALIA UDC 8 0,5 6  
FRATELLI D'ITALIA Meloni 36 2,3 33 2,3