Attualita

 

Come si può leggere in bibliografia (Advances in Experimental Social Psychology 2011, Vol. 44, Cap. 5 Pag. 247) l’effetto Dunning-Kruger descrive una alterazione cognitiva che causa la sopravalutazione del proprio giudizio quando non si è oggettivamente esperti dell’argomento trattato. Per altro, professionalità e competenza sono spesso causa della distorsione inversa: conoscere bene e saper valutare la complessità dell’argomento può indurre l’individuo ad una eccessiva prudenza, il ché, tra le altre cose, diminuisce le sua capacità di convincimento presso gli altri. Questa teoria è stata esposta in maniera scientifica (avvalorata da sperimentazione) solo nel 1999, ma in realtà la saggezza antica dei nostri padri l’aveva anticipata molto prima.  Per tutti basti citare un bastione della letteratura mondiale, il grande drammaturgo inglese Wiliam Shakespeare. Il Bardo di Stratford, nella commedia pastorale “A Piacer Vostro”, scrive queste parole “Il saggio sa di essere stupido, è lo stupido invece che crede di essere saggio.”

Un tipico esempio applicativo di questo effetto riguarda la diatriba “Vaccini si-Vaccini no”, nella quale alcuni genitori molto confusi attribuiscono la verità non alla conoscenza scientifica, ma all’alta qualità tecnologica con cui vengono espressi, nella rete web, certi giudizi ad essa contrapposti, confondendo così l’eccellenza del mezzo con l’uso mediocre e menzognero che se ne può fare.

Da diversi anni a Casola sono presenti dei defibrillatori dislocati in diverse parti del paese.

Il tutto cominciò nel 2002 quando un comitato diede inizio ad un progetto chiamato “Casola per la vita” grazie al quale si sono acquistati 4 defibrillatori da dislocare in alcuni punti strategici del paese.

Con l’arrivo di questi strumenti si sono poi organizzati dei corsi di formazione al termine dei quali veniva rilasciato un attestato di BLSD (Basic Life Support Defibrillation).

Negli anni lo Spekkietto ha scritto diversi articoli in cui si parlava di questo progetto e dei corsi di formazione/aggiornamento che ne sono seguiti.

Nel 2007 intervistammo Barbara Pozzi, che è sempre stata la nostra referente del progetto e oggi, a distanza di 10 anni, l’abbiamo ricontattata e le abbiamo posto qualche domanda per rinfrescarci la memoria sull’argomento e per sapere se sono ancora presenti questi defibrillatori.

 

Ci potresti spiegare che cos’è un defibrillatore ed in quali occasioni può essere d’aiuto?

Il defibrillatore è un elettrodomestico semplice e sicuro in grado di erogare una scarica elettrica (circa 150 j) per resettare un cuore “impazzito”.

Eroga lo shock solo quando, dopo un’attenta analisi, riconosce la presenza di una delle due anomalie cardiache: fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare che portano poi ad arresto cardiaco

Ha un margine di errore riguardo alla diagnosi che rasenta lo zero.

I defibrillatori in dotazione a Casola Valsenio sono semi- automatici, per erogare lo shock necessitano di un operatore (che ha ricevuto l’adeguata formazione) che prema il pulsante lampeggiante per far sì che la scarica elettrica possa arrivare al cuore del soggetto infartuato.

L’utilizzo del defibrillatore è dettato secondo un protocollo di IRC; comunque utilizzato in tutti i casi di arresto respiratorio.

 

- Domenica 13 Marzo 2016 - Festa del Tartufo primaverile

La festa del tartufo primaverile ha visto la presenza di qualche bancherella, modesta partecipazione di visitatori ma in compenso l’assalto allo stand gastronomico davanti al quale molti hanno atteso in fila il loro turno

- Mercoledì 16 Marzo 2016 – Pellegrinaggio della vallata ad Acquadalto.

Nella serata  si è svolto il tradizionale ed annuale  pellegrinaggio dei fedeli della nostra vallata al Santuario di Acquadalto in quel di Palazzuolo.

- Giovedì 17 Marzo 2016 – Presentato il programma  per gli 800 anni di Casola.

Nella sala Biagi Nolasco è stato presentato il programma delle celebrazioni per gli 800 anni di Casola. Nella serata è stato anche consegnato il premio al vincitore del concorso per il logo delle manifestazioni: Il grafico  ferrarese Stefano Buzzi. Per l’occasione il nostro bravissimo mastro fabbro Spada Domenico ha voluto donare al Comune un pannello di rame con la sua riproduzione del logo eseguita con la solita maestria.   

Dopo la premiazone è stata organizzata una visita all’esposizione dei loghi che hanno partecipato al concorso allestita nella sala azzurra del Municipio

.

- Venerdì 25 Marzo 2016La processione del Signor Morto.

Alla sera si è svolta la suggestiva “Processione del Signor Morto”, la celebrazione più attesa ed amata dai Casolani  in preparazione della S.ta Pasqua. Come al solito grande partecipazione di fedeli che hanno percorso in una lunga fila il periplo del paese, camminando col suono cadenzato della Banda  ed ammirato  i suggestivi “quadri viventi” rappresentanti le tappe della narrazione evangelica  della vita di Nostro Signore Gesù Cristo. Quest’anno i cinque quadri viventi allestiti avevano come tema la Misericordia di Dio. Questi i titoli: “ Il Padre misericordioso accoglie il figliol prodigo”  - “ Il buon Samaritano” – “La donna adultera” – “ Il buon ladrone” – “Padre perdonali perché non sanno quello che fanno”. Il coro dell’Assunta ha cantato prima e dopo la processione

.

- Sabato 26  e Domenica 27 Marzo 2016 - . I riti della S.ta Pasqua.

Alla sera del sabato in parrocchia è stata celebrata la tradizionale S.ta Messa della mezza notte che con la chiusura dei sepolcri ha annunciato la Resurrezione di Gesù ed ha iniziato il compimento dei riti della Pasqua. La S.ta Messa della mezzanotte è stata preceduta dalle  dalle letture evangeliche ed accompagnata dai canti del Coro dell’Assunta.  Il coro ha cantato. Dopo la S.ta Messa i parrocchiani si sono ritrovati in canonica per mangiare in condivisione fraterna la colomba pasquale. I riti sono poi ripresi al mattino con le due celebrazioni liturgiche del giorno.  

Nella notte fra il sabato e la domenica è entrato in vigore anche l’ora legale.

- Sabato 2 Aprile 2016 – Prima santa confessione –

Oggi un gruppo di  nostri piccoli giovani, dopo la preparazione di un apposito corso di catechismo,  si sono accostati per la prima volta al sacramento della confessione. Questi i nomi dei ragazzi: Baldassarri Riccardo, Barberis Lorenzo, Barberis Viola, Benassi Sofia, Capirossi Mattia, Cavina Sara, Dall’Osso Enrico, Drei Giacomo, Montefiori Iris, Nastasi Nicolo’, Poli Noemi, Quarneti Sofia, Tozzi Patrick, Tronconi Ettore, Visani Tommaso.

- Venerdì 22 Aprile 2016 –Luciana Baruzzi ed il suo ultimo libro: “La Giulietta rossa”

 Ala sera  nella sala Biagi Nolasco la dottoressa Luciana Baruzzi, ex storica direttrice delle nostre scuole ha presentato nella sala Biagi Nolasco la sua ultima fatica letteraria ; il libro “La Giulietta Rossa” . Nella  prima e  seconda parte del libro viene rievocata con l’aiuto,  l’apporto e la collaborazione degli scolari e degli insegnanti di un tempo la vita scolastica dal dopoguerra fino a tutti agli anni  ‘60 . Nelle successive sezioni il libro ricorda alcuni momenti ed episodi del periodo del passaggio del fronte della guerra e del tempo, del territorio e della vita del passato

- Sabato 23 Aprile 2016Pellegrinaggio della vallata del Senio  a Imola.

Il Vicariato della Valle del Senio (Casola e Riolo) ha organizzato nel pomeriggio a Imola il pellegrinaggio delle “Sette Chiese”  per l’anno della Misericordia voluto da Papa Francesco.

Partendo dalla Cattedrale di San Cassiano  i pellegrini hanno visitato sei delle sette chiese previste (se ne è dovuta saltare una per ragioni di tempo) recitando il rosario durante il tragitto e leggendo brani di scritture nelle chiese.  Il corteo dei pellegrini al termine del pellegrinaggio è rientrato nella Cattedrale di San Cassiano per  partecipare alla celebrazione della Santa Messa.

- Lunedì 25 Aprile – Sabato 7 Maggio  2016 – La festa di Primavera

Le tre società costruttrici dei carri si sono affrontate con le loro creazioni nelle tradizionali sfilate:  diurna di lunedì 25 Aprile e notturna di Sabato 7 Maggio. La sfilata notturna avrebbe dovuto svolgersi il 30 Aprile ma è stata rimandata a causa del maltempo.

La società Sisma ha presentato il carro Dalla fine inizio” un invito ed un incoraggiamento - criptato dalle immagine e dalla allegoria - all’uomo  affinchè ritrovi se stesso , riscopra la sua vocazione e la propria essenza superando lo stordimento e il frastuono della moltitudine delle informazioni che ci investono e ci stordiscono ogni giorno .

 La società Extra ha presentato il carro “ Girotondo” una esortazione a rinascere ogni volta dalle nostre cadute e dalle nostre fragilità, recuperando dal profondo delle fratture delle nostre esperienze le briciole dei sogni che sono rimasti a galla, e da lì ripartire. Come i bimbi che nel girotondo possono cadere a terra ma poi si rialzano e ricominciano a giocare, perché non hanno paura.

La Nuova Società Peschiera ha presentato il carro “ La verità nascosta” Un invito a prendere atto delle proprie personali responsabilità e delle proprie personali potenzialità e a metterle in atto per creare un mondo migliore. Come va il mondo dipende da quanto ognuno di noi è capace di mettere in campo, anche il più piccolo di noi.

Entrambe le sfilate, sia quella diurna che quella notturna sono state vinte dal carro “Dalla fine inizio della società Sisma.  Naturalmente non sono mancate le polemiche ed i “pittini”  accentuati dal fatto che la vittoria di entrambe le sfilate se le è aggiudicata il medesimo carro che fra l’altro sotto il profilo architettonico  era il più semplice e meno spumeggiante,  caratterizzato da una monostruttura squadrata e monolitica. Ma è anche per questa sua semplicità che è stato apprezzato.

La sfilata dei carri del 25 Aprile è stata preceduta  da quella della Sega Vecchia che poi è stata bruciata la sera in p.za Sasdelli dopo “irregolare” processo. Al mattino cerimonia del 25 Aprile.

Sempre il 25 Aprile, al mattino, nel parco G. Cavina è stato celebrato il 71° anniversario della Liberazione che ha segnato la fine della seconda guerra mondiale.

Domenica 1° maggio 2016 Antica fiera di Valsenio  - Si è tenuta  presso l'Abbazia di Valsenio la 10° edizione dell'Antica Fiera di Valsenio - rassegna delle razze romagnole di una volta - con sfilate, pranzo, premiazione e benedizione.

- Giovedì 5  e Venerdì 6 Maggio 2016  - Le processioni delle Rogazioni

Nel tardo pomeriggio del 5 e 6 Maggio si sono svolte le processioni delle Rogazioni che abitualmente aprono il mese di Maggio, dedicato a Maria Vergine, e durante le quali si benedicono il paese e le campagne circostanti.

- Venerdì 6 Maggio 2016Presentato il libro  L’ammazzagievle” di Pier Ugo Acerbi.

Questa sera nella sala Biagi Nolasco  è stato presentato , per la Munari edizioni, il libro "L'Amazagévle e altri racconti di Romagna" scritto dal nostro concittadino Pier Ugo Acerbi, non nuovo, come ben sappiamo,  a pubblicazioni di varia natura. Questa volta si tratta di una raccolta di tre racconti in cui, fra storia e leggenda, protagonista è il territorio di Casola, unico paese in cui, come suggerisce il titolo del primo racconto e dell'intera raccolta, anche il Diavolo può finire male... Degli altri due testi, "La verità del Ghiandaio" e "Magut", particolarmente riuscito è il primo, in cui si ricostruisce il passato storico-leggendario della foresteria della Badia di Susinana. E che ci ricorda come sia facile, ancora oggi, farsi ingannare da un brigante che si finge un sant'uomo.

- Sabato 7 Maggio 2016Serie di furti nella zona industriale.

 Nella notte a Casola si è verificato un raid di una banda di ladri che ha colpito le sedi di 4 ditte: la cooperativa “ Valle del Senio” , la ditta “Cavina Angelo”, la ditta “Cooperativa Terremerse” e la ditta “Saint Gobein”. Tutte le ditte risiedono nella zona industriale di via Senio  nella piana di Valsenio. Il bottino: soldi, buoni pasto, una fiat Punto. I ladri sono stati certamente intercettati da qualche telecamera e si spera che questo possa portare ad identificazioni. E’corsa voce anche di un furto in una casa privata ma qui a colpire forse sono state altre persone.

- Domenica 8 Maggio 2016  - S.ta Cresima  per 16 dei nostri ragazzi . .

Questa mattina 16 ragazzi e ragazze  hanno ricevuto il sacramento della S. Cresima.  I nuovi cresimati sono:

 Benericetti Fabrizio, Bianchi Mattia, Biffi Enrico, Caroli Martina, Caroli Mirco, Cavini Matteo, Fabbri Valentina, Giorgi Federico, Iamonaco Chiara, Morara Serena, Poletti Alessandro, Rontini Riccardo, Sottile Alessia, Venturini Pietro, Visani Andrea, Visani Morgan. Al pomeriggio processione finale delle Rogazioni della Madonna: Chiesa parrocchiale , via Roma, Via G. Matteotti, chiesa.

- Domenica 15 Maggio 2016. “Pistoni e maccheroni”  - La ormai tradizionale manifestazioni degli appassionati di macchine e moto “Pistoni e maccheroni” quest’anno è stata turbata dal maltempo ed ha dovuto essere necessariamente venire interrotta nel pomeriggio.

- Domenica 22 Maggio 2016 – Il Gruppo nazionale “Leone di San Marco” –   Sono ritornati, come ogni anno, gli ex militari del gruppo San Marco per ricordare con una cerimonia i loro commilitoni caduti durante la guerra di liberazione.

- Concerto dei Flauti di San Marco  - Sempre Domenica 22 maggio  alle ore 17,00 presso l'Abbazia di Valsenio si è tenuto il concerto de "I Flauti di San Marco" con l'orchestra giovanile di Venezia diretta da Michele Ghedin. E’ Seguito un  convivio con gli artisti e tutti i presenti.

 

- Sabato 28 e Domenica 29 Maggio 2016  -  Alpini e pittori estemporanei.

Alpini - Il tradizionale raduno degli alpini organizzato dal Gruppo Alpini di Casola Valsenio si è aperto Sabato 28 Maggio nel pomeriggio alle ore 18,00 con la celebrazione della S.ta Messa  in memoria dei commilitoni “Andati Avanti” celebrata presso la cappellina degli Olmatelli.

Il raduno è poi proseguito Domenica 29 Maggio con l’Ammassamento  dei vari gruppi intervenuti seguito dall’alza bandiera, dalla S.ta messa celebrata al parco Cavina e dalla deposizione di una corona presso il monumento ai caduti. Con la sfilata per le vie del paese gli Alpini  sono poi approdati al Circolo Le Colonne per l’incontro conviviale del rancio.

Pittori estemporanei -Oggi si è svolta anche una gara estemporanea di pittura dei luoghi di Casola organizzata dagli Artisti sopra la Media. Il concorso denominato “Inquadra – i colori della terra” ammetteva tutte le tecniche pittoriche su ogni genere di supporto ed aveva come scopo la scoperta e la valorizzazione di scorci, angoli e panorami del nostro paese.

- Domenica 29 Maggio 2016 - Prima Comunione per un gruppo di piccoli  Casolani.

Durante la S.ta Messa delle ore 11 un gruppo di nostri ragazzi e ragazze hanno ricevuto la Prima Comunione nella chiesa parrocchiale. I nuovi comunicandi sono : Ceccolini Nicola, Savoca Manuel, Giacometti Gianluca, Morara Giovanni, Emiliani Oscar Maria, Rivola Damiano, Campoli Pietro, Guidotti Niccolò, Baldassarri Angelica, Spada Vanessa, Soglia Sofia, Tozzola Livia, Biffi Emma.

Al pomeriggio , a conclusione della giornata, si è svolta la processione  del Corpus Domini per le vie del paese.

- Giovedì 02 Giugno 2016 – .Concerto di Primavera del C.B.C. Venturi Band.  Questa sera, nella sala Don Elviro Guidani,  si è svolto il 30° Concerto di Primavera della nostra banda diretta dal maestro Daniele Faziani.

- Sabato 04 Giugno 2016Masterchef Scout Edition agli Olmatelli.  Gli scouts del nostro reparto di Esploratori Mafeking di Casola Valsenio hanno dato vita ad una impresa di abilità culinaria da campo . Due squadre si sono affrontate all’ultima pentola per l’approntamento di piatti particolari che poi hanno sottoposta al giudizio dei partecipanti: genitori, amici e casolani in genere.

Alla sera agli Olmatelli gli scout hanno organizzato una gara di cucina stile scout. Grande successo di partecipanti ed apprezzamento generale per i piatti preparati.

 

- Lunedì 06 Giugno 2016  Fine scuola – I  bimbi della scuola primaria elementare hanno voluto regalare ai genitori, ai nonni, ai parenti ed agli amici uno spettacolino di fine anno scolastico.

 

- Martedì 07 Giugno 2016 – Monia e i suoi ragazzi – I ragazzi della scuola di canto diretta dalla maestra  Monia Visani  hanno allestito  uno spettacolo di canti e recite a conclusione dei corsi frequentati durante i mesi trascorsi.

 

- Sabato 18 Giugno 2016GLI  800 ANNI DI CASOLA VALSENIO

Oggi si è svolta con grande successo e partecipazione la prima manifestazione prevista per celebrare il compimento degli  800 anni dalla fondazione  di Casola Valsenio.

 Al mattino un convegno nella sala del cinema Senio  ha fatto il punto ed indagato  su vari aspetti storici ed ambientali di Casola Questi i relatori ed i temi e gli argomenti trattati:  il prof.  Andrea Padovani “Casola, non per caso” – il prof. Roberto Rinaldi Ceroni “Il welfare ai tempi del colera” – la prof.sa Liliana Vivoli “Le donne di Casola nel settecento” – Il dott. Beppe Sangiorgi “Lo sviluppo edilizio negli ultimi due secoli” –  Alessandro Righini “ 200 anni di campane a Casola”.

Alle ore 11,30 nella Sala Azzurra del municipio è stata inaugurata una mostra  cartine e mappe geografiche e di vedute di Casola messe a disposizione dal Circolo Fotografico Casolano e da Piergiacomo Rinaldi Ceroni. E’ seguito poi  l’aperitivo nella piazza del parco a cura del Circolo Le Colonne.

Nel pomeriggio  si è svolto” il memorial Romano Visani “800 anni di corsa a cura del Gruppo Podisti di Casola Valsenio.

 Alla sera cena in piazza Sasdelli con piatti proposti dai vari ristoranti accompagnati da vari intrattenimenti musicali  a cura del Corpo Band. G. Venturi e dalle ragazze del trio Le Semicrome. Alle ore 20,30 è iniziata la celebrazione ufficiale cin interventi del sindaco, del Prefetto e del Presidente della Regione.

Sono poi state consegnate tre medaglie rispettivamente a  Sangiorgi Federico (Biagio), a Cristiano Cavina e a Franco Tozzi a riconoscimento delle iniziative o delle azioni da loro svolte per far conoscere e valorizzare il nostro paese.

 È seguito intrattenimento musicale dei “Musicanti di San Crispino”, infine a mezzanotte un tripudio di  fuochi di artificio  ha incendiato la Chiesa di Sopra, divenuta il simbolo ufficiali di questi 800 anni di storia del nostro paese.. E’ stata anche tappata e sigillata una bottiglia di vino che dovrà essere aperta solo nell’anno  2.212 cioè fra due cento anni quanto Casola compirà mille anni Naturalmente lo  Specchio/Spekkietto  ci sarà ancora per registrare questo nuovo futuro evento, anche se certamente non sarà l’attuale reporter a redigerne la cronaca.

Domenica 19 Giugno 2016DOPO L’INSTALLAZIONE DELLE ULTIME FORMELLE,  INAUGURATA DEFINITIVAMENTE  LA VIA DELLA “ CROCE DI LUCE”

Oggi il  Vescovo della nostra Diocesi, S. Ecc. Mons. Tommaso Ghirelli , affiancato dal  ns. arciprete don Euterio Spoglianti alla presenza di numerosi fedeli,  ha proceduto alla benedizione ed alla inaugurazione definitiva della via della “ Croce di Luce” l’itinerario mistico  che collega sul percorso di crinale il Cerro con la Croce di Luce posta sul Monte Alberino di Albignano.

La Via della Croce di Luce era già stata inaugurata provvisoriamente un anno fa , il 3 Giugno 2015, ma all’epoca non era ancora terminata in quanto solo il primo dei 14 pilastrini collocati era completo della formella di ceramica realizzata dalla nostra ceramista Nicoletta Cavallari, rappresentante la  “stazione” della Passione di Gesù nel bosco degli Ulivi)  - Vedi per questo l’articolo pubblicato a pag 24 de Lo Spekkietto n. 243 59 del Novembre 2015 –

Mancavano dunque 13 formelle che, grazie alla collaborazione ed alla buona volontà di tanti  nel frattempo sono state realizzate : 12 dagli artisti della scuola PAS di Faenza diretta dal maestro Guido Mariani ed una dalla casolana: Luisa Sangiorgi.

Il tempo che al mattino minacciava pioggia ha invece volto provvidenzialmente al sereno  e la via Crucis seguita dalla S.ta Messa sotto la Croce di Luce ha potuto svolgersi nella maniera più soddisfacente. Al ritorno al Cerro, grazie all’ospidalità del dott. Tagliaferri e della moglie , i fedeli hanno potuto ritrovarsi in gioioso convito con i dolci preparati da alcune volonterose signore.

Come già rimarcato nell’articolo de Lo Spekkietto sopra ricordato, questa suggestiva Via Crucis ha potuto essere realizzata grazie alle offerte di numerosi fedeli ed all’impegno di tanti volontari il cui nome è stato riportato sempre nel suddetto articolo ed ai quali,  a nome di tutta la Parrocchia,  rinnoviamo i nostri ringraziamenti. Corre d’obbligo invece ricordare il nome degli artisti che hanno realizzato le formelle che sono state posta a dimora che elenchiamo qui di seguito con il nome della rispettiva “stazione” : 1° (La passione nel bosco degli Ulivi) di Nicoletta Cavallari – 2° ( Il tradimento di Giuda) di Guido Mariani) – 3° (Sgomento e scoramento degli apostoli) di Massimo Balbi – 4° (Il processo davanti al Sinedrio)  di Giantomaso Vassura – 5° (Il giudizio di Pilato) di Emiliano Mariani – 6° (Nelle mani dei soldati) di Elia Bernabei – 7° (La via dolorosa) di Dea Galante – 8° (Gesù cade sulla via) di Guido Mariani – 9° ( Gesù incontra la Madre e le pie donne) di Anna Grossi – 10° (Il Cireneo) di Rino Valenti – 11° (Gesù crocefisso) di Luisa Sangiorgi – 12° ( Ai piedi della Croce) di Elena Modelli – 13° ( La morte sulla croce) di Gabriella Sangiorgi – 14° (La sepoltura) di Donatella Tassinari.

La successione e la suddivisione in stazioni  della “ Via della Croce di luce” , pur rispettando fedelmente e rigorosamente il racconto della passione di Gesù Cristo, presenta alcune variazioni rispetto alla più tradizionale sequenza che normalmente viene seguita.  Per l’occasione è stato anche pubblicato e donato ai fedeli il libretto con il testo, appositamente composto, con una scrittura pensata per una lettura recitata e drammatizzata e che ha ispirato il tema delle varie formelle.  Il libretto  per chi fosse interessato è disponibile in parrocchia o presso Alessandro Righini.

- Giovedì 23 Giugno 2016 – . In Inghilterra si è svolto il referendum per decidere se rimanere o no nella Comunità Europea. Hanno vinto, anche se per poco, quelli che vogliono uscire. Gli Inglesi, che non si smentiscono mai con il loro opportunismo, stavano in Europa con un piede dentro ed uno fuori. Era ora di chiarire le cose. Staremo a vedere cosa succede nei prossimi due anni

 

- Sabato 25 Giugno  - Sabato 9 Luglio 2016 – Pellegrinaggio a piedi  a Roma

Un gruppo di Pellegrini casolani , alcuni dei quali già consueti a questo tipo di esperienze, sono partiti a piedi da Casola per recarsi in pellegrinaggio a Roma, “ Ad limina Petri” come si suol dire,  per rispondere all’invito di Papa Francesco a celebrare l’ Anno Santo della Divina Misericordia.

Due settimane di pellegrinaggio  in 14 tappe, segnate da un clima molto caldo ma quanto mai suggestivo attraverso  alcune delle regioni più belle ed affascinanti della nostra penisola, sia sotto il profilo paesaggistico, sia per le reminiscenze e le memorie storiche che ospitano.

- Sabato 25 Giugno 2016 – La Giornata della Lavanda e  La notte viola – Si è svolta, organizzata dalla Pro Loco e dal Giardino delle Erbe “La Giornata della Lavanda” e “ La Notte Viola: una manifestazione che con passeggiate guidate, conferenze sulle proprietà delle piante ed in particolare dell’ erba simbolo di Casola ovvero la Lavanda, l’ offerta di assaggi di essenze e prodotti del territorio, la celebrazione di una S.ta Messa con la benedizione dello Spigo, proiezioni ed intrattenimenti musicali si propone ogni anno di mettere in luce e valorizzare le eccellenze e le particolarità del nostro territorio.

Venerdì 1 – 8 – 15 -22  Luglio 2016 -  I mercatini di Casolaromatica  - Durante i venerdì del mese di Luglio si sono svolti i mercatini delle erbe “Casolaromatica” che ormai per il nostro paese sono diventati un appuntamento distintivo e caratterizzante con tutto il contorno di  erbe, essenze, prodotti tipici del territorio, street food , piatti,  stuzzicherie  assaggi di prodotti alle erbe e della tradizione, convivialità e spettacoli per le vie del paese.

La sera del Venerdì 15 Luglio è inoltre stato presentato l’ultimo parto del nostro prolifico scrittore Cristiano Cavina: il libro  “ Pinna Morsicata -  Il viaggio di un delfino che ha perso la rotta “ . Un libro che segna una cesura con i temi delle precedenti opere dell’autore ed imbocca la strada della favola con la mediazione di un delfino e di un fantastico ambiente marino per affrontare con delicatezza e profondità temi forti come l’amicizia, la tristezza e la ricerca di se.

Dal 9 Luglio al 14 Agosto 2016 – Continua la  La variegata estate di una “Casola da Favola”

Tutto il periodo dell’estate calda casolana è stato contraddistinto da numerose iniziative e spettacoli che hanno animato la vita del paese, richiamato visitatori e turisti e testimoniato la straordinaria vitalità delle nostre associazioni di volontariato con in testa la Pro Loco ed il Giardino delle Erbe. Impossibile elencare adeguatamente  in questa cronaca tutte le manifestazioni pertanto accenniamo soltanto i due filoni principali delle manifestazioni ovvero : la “Musica nei luoghi della storia” e la “Festa dei racconti dimenticati” che si sono articolati in eventi realizzati nei diversi ambiti del nostro paese e dei suoi dintorni. Particolarmente suggestiva è risultata “La notte delle favole” che ha preso corpo nei cortili interni del centro storico  a cura di alcuni attori o autori professionali e dai frequentatori del corso sull’arte di narrare le favole.

Venerdì 12 Agosto 2016  -  Ginnastica per jongedames oder fràulein sotto la torre di Monte Battaglia -Può capitare di fare una scarpinata in una bella e calda giornata di agosto fin sulla cima di monte Battaglia e di trovare una inaspettata e bella sorpresa: un gruppo di una ventina di splendide vichinghe che, sotto la guida di una trainer di  lingua decisamente nordica , svolgono evoluzioni ginniche sul piazzale antistante la storica torre affacciato sul panorama mozzafiato dei nostri Appennini. Olandesi, tedesche…? Non saprei,  certamente in qualche modo affiliate e trainate da quei nordicii amanti delle nostre terre, soprattutto olandesi, che da qualche anno hanno scoperto le colline sovrastanti Valsenio ed il Cardello e vi si sono insediati.

Noi casolani lo sappiamo da sempre che abitiamo la vallata più dolce, verde e fantastica del mondo, però forse, fino adesso, ce la siamo tenuta soprattutto per noi. Chissà che i segnali di apprezzamento e le iniziative  dei nostri nuovi amici venuti dal nord Europa non sappiano suggerirci iniziative interessanti.

Lunedì 15 Agosto 2016 – La festa dell’Assunzione – Ferragosto per la nostra parrocchia è soprattutto la Festa dell’Assunzione di Maria Vergine. La Madonna Assunta in cielo  è la patrona del nostro paese ed è stata festeggiata con una messa solenne nel pomeriggio seguita da un incontro conviviale nel cortile della Misericordia

Sabato 27 Agosto 2016 – 37° pellegrinaggio al santuario della Madonna di Boccadirio.

Alle 3 del mattino è iniziato il pellegrinaggio alla Madonna di Boccadirio. Una tradizione che si ripete da 37 anni ma che riprende una ancor più antica consuetudine di cui gli anziani della nostra vallata, soprattutto i contadini, conservano la memoria. L’attuale ciclo di pellegrinaggi ebbe inizio nel 1980 quando, in seguito ad un pellegrinaggio diocesano a  Czestochowa in Polonia, il nostro indimenticato Arci, l’arciprete don Giancarlo Menetti , in collaborazione con altre  parrocchie della diocesi di Imola e di Faenza  decise di riprendere l’antica tradizione della nostra popolazione. Il numero dei partecipanti a questo pellegrinaggio si è attestato ormai da molti anni intorno al centinaio e molti di questi sono giovani e addirittura giovanissimi al seguito dei genitori. Negli ultimi anni non è rara trovare al seguito bimbi poco più che poppanti in passeggino. Quest’anno poi, con un gesto significativo  di grande sensibilità ed amicizia un gruppo di giovani ……..? quarantenni hanno aiutato il loro amico Carubelli ad affrontare in carrozzina il lungo ed impegnativo percorso.  Il pellegrinaggio si è concluso domenica 28 Agosto dopo la distribuzione degli ambiti bollini di partecipazione e con la celebrazione della S.ta Messa nel santuario di Boccadirio. 

 

Sabato 03 Settembre 2016 -  Una cena per i terremotati di Amatrice e dintorni

I Casolani, generosi come sempre, hannno dato vita a diverse iniziative per aiutare le popolazioni di Amatrice, Accumoli , Arquata e zone circostanti del centro Italia, recentemente colpite dal sisma del 24 Agosto.  Questa sera in piazza si sono mobilitati per organizzare una affollatissima cena di solidarietà in favore dei terremotati.

Sabato 10  e Domenica 11 Settembre 2016Festa della Misericordia

E’ iniziata sabato 10 Settembre, con la tradizionale cena agli Olmatell,i l’annuale festa della Misericordia.

 Le iniziative di sensibilizzazione e di vicinanza alla nostra benemerita Fraternita sono poi continuate la domenica 11  nel cortile dell’ex convento dei cappuccini  (ed ora universalmente conosciuto come della Misericordia)  che ospita la sede del sodalizio  che assicura ormai da decenni i trasporti dei casolani  infermi o  non autosufficienti ai centri di cura o di assistenza. Il torneo di calcetto per i ragazzi, il pranzo all’aperto, gli intrattenimenti musicali, la tombola a premi ed infine la celebrazione della S.ta Messa e la benedizione delle auto hanno segnato i vari momenti della manifestazione. Da segnalare, fra gli eventi di intrattenimento, l’esordio di una giovanissima band “Te Black Jackets”  nuovo gruppo di giovani casolani  amanti della musica rock.

 

Sabato 10 settembre 2016 - Convegno "Le Famiglie nella Valle del Senio:  Organizzato dalla Consorteria dei Ceroni e dal Circolo Fotografico Casolano si è svolto nell’Abbazia di Valsenio un convegno sulla  ricerca delle proprie radici per conoscere la storia. L’incontro è stato presentato da Piergiacomo Rinaldi Ceroni presidente della Consorteria. Sono poi seguite le relazioni :

 "I cognomi: le loro origini, il loro significato" tenuta dal prof. Andrea Padovani, Magister de "La Consorteria dei Ceroni" e Ordinario di Storia del Diritto della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bologna e "Come risalire alle origini della propria Famiglia" tenuta dalla dott.ssa Liliana Vivoli, già Direttrice dell'Archivio di Stato di Imola e Forlì

 

Giovedì 15 Settembre 2016 -  Inizio del nuovo anno scolastico. Oggi è iniziato un nuovo anno scolastico e la parrocchia ha invitato i bambini e le famiglie, che hanno partecipato numerosi, ad una S.ta Messa  di buon esordio sotto la protezione di Gesù e della Madonna.

Sabato 17 Settembre 2016Riconoscimenti ai 16 nostri novantenni e 1 centenaria

Nel pomeriggio al Centro Le Colonne sono state consegnate le targhe ricordo per i nonni casolani che hanno raggiunto la rispettabile età dei novant’anni ed una menzione speciale ad una nonna che di anni ne ha compiuto cento. I novantenni sono: Maria Acerbi ,Lodovica Alpi, Antonietta Bergianti, Irma Caroli, Andreina Cavina, Alessandra Cenni, Ornella Cortecchia, Maria Dall’osso, Lea DalPrato, Alfonsina Leonardi,, Antonietta Marchetti, Anna Michelini, Pompeo Ricciardelli, Mario Serasini, Antonio Vespignani. La centenaria è la signora Angiola Capitani. Auguri e cento di questi giorni a tutti i premiati

Sabato 24 Settembre 2016 – Lo IOR ha invitato i Casolani ad una “Apricena”

 Alla sera presso la sala Don Guidani lo IOR casolano ha organizzato una piacevole  “Apricena”  per promuovere la propria attività  umanitaria . Durante l’affollato incontro conviviale si sono esibite le tre “Semicrome” con i loro canti e il poeta dialettale Remo Panzavolta di Riolo che ha letto alcune delle sue zirudele.

 

Venerdì  30 Settembre 2016Festa dei nonni nella scuola materna S.ta Dorotea.

Oggi pomeriggio nel grande cortile della Scuola Materna S.ta Dorotea i giovanissimi alunni hanno accolto gioiosamente i loro nonni per una dolce merenda comunitaria allietata da canti, recite e coretti.

Sabato 1 – Domenica 2  Ottobre 2016 - I nostri Gessi patrimonio dell’Unesco?

Sabato pomeriggio 1 Ottobre I nostri Speleo,  unitamente  alla Società Speleologica Italiana, alla Federazione Speleologica Regionale  ed all’Ente diGestione per i Parchi e la Biodiversità,  hanno promosso un convegno con interventi di vari relatori e proiezioni di filmati come primo atto di una azione  a largo raggio per presentare  la richiesta all’Unesco di inserimento del Parco dei Gessi Emiliano Romagnoli fra i beni “Patrimonio dell’umanità”  

Al mattino era stata organizzata una  attività ludica speleo per i bambini in  una grotta riprodotta artificialmente in carta pesta nella sala Don Guidani.

Domenica 2 Ottobre, sempre a cura dei nostri  speleo, è stata organizzata una visita guidata alla Grotta del Re Tiberio sui nostri gessi per i ragazzi del  Centro Diurno Fiordaliso.

 

Venerdì 7 Ottobre 2016 – Presentato il libro “ Casola Valsenio i primi 800 anni”

Nell'ambito delle manifestazioni celebrative dell'800° anniversario della fondazione di Casola Valsenio

Nella  Sala Biagi alle ore 20,30 è stato presentato il libro “ Casola Valsenio i primi 800 anni” frutto di una ricerca  condotta da Giuseppe Sangiorgi sulla storia del nostro paese dalla sua fondazione ad oggi. Il libro, oltre che sugli eventi storici si sofferma anche su alcuni aspetti più popolari e di costume che caratterizzavano la vita nel nostro territorio nei secoli passati. Alla presentazione sono intervenuti anche il sindaco Nicola Iseppi  ed il dott. Franco Tozzi, promotore della pubblicazione del libro.

Il libro è stato presentato anche l’ 8 Ottobre nell’ambito della festa dei Frutti Dimenticati.

8 - 9 Ott / 15 – 16 Ott 2016  Due week End dei Frutti dimenticati e del Marrone di Casola Valsenio 

Nel secondo e terzo  week end  di ottobre  si è svolta  la 26^ edizione dellaFesta dei Frutti Dimenticati e del Marrone di Casola Valsenio. La manifestazione, che nel primo wek end e  nel sabato del secondo aveva marciato un po’ a rilento anche a causa delle non favorevoli condizioni climatiche, è esplosa l’ultima domenica con una partecipazione di pubblico come  raramente è stato dato vedere in altre occasioni.

Numerose le bancherelle e gli stand allestiti.   Da segnalare anche le performances di alcuni  partecipanti speciali : Sebastiano Caridi, incoronato il miglior pasticcere d'Italia all’omonimo talent di Raidue, e Marzia Bellino, concorrente nella quinta edizione di Masterchef Italia. Per l’occasione sono state allestite anche alcune mostre: Il Pomario dei frutti dimenticati – I carri allegorici della festa di Primavera – Tele stampate della bottega Pancucci e promossi i concorsi : Vernice fresca – Vetrina bella – Bancabelladolci di marrone e Marmellata antichi sapori.

Sabato 15 Ottobre 2016 – Muore don Giancarlo  (Gianni) Cenni – E’ morto all’ospedale civile di Ravenna il sacerdote don Giancarlo Cenni ( ma tutti lo chiamavano don Gianni). Era nato a Casola Valsenio , quarto di undici figli,  cugino di due sacerdoti Mino e Luigi  (Gigino) anch’essi di origini casolane. Era stato ordinato sacerdote nel 1960 ed ha svolto il suo lungo ed impegnativo apostolato a Lugo (dove è stato anche assistente degli scouts), a Castelbolognese ed a Imola. Negli ultimi anni era stato colpito da una malattia agli occhi che ultimamente l’aveva reso quasi completamente cieco. Qualche mese fa a causa delle cattive condizioni di salute si era ritirato nell’Istituto Santa Teresa di Ravenna. Don Gianni  lascia di se un ricordo di ottimo amico degli uomini, oltre che di un  pastore che ha onorato la sua professione di fede con impegno e abnegazione.

DEMOGRAFIA PER LO SPEKKIETTO  N.  61

 

NATI:

Nizar Rachid                           07/03/2016

Tommaso Rivola                    19/04/2016

Amanda Jankovic                   20/04/2016

Samuele Alpi                          11/05/2016

Manuel Baracani                   01/06/2016

Ruth Revnic                            03/06/2016

Agnese Baldassarri                21/06/2016

Aisha Muhammad                 02/07/2016

Gioele Cenni                          07/07/2016

Nora Quadalti                        16/07/2016

Aurora Dardi                          08/09/2016

Samuel Ferretti                      14/09/2016

Maria Isal El Gazzali              25/10/2016

- Condividiamo la felicità dell’amica Annalisa Poli , collaboratrice  de Lo Spekkietto,  per la nascita del nipotino Gioele, figlio della sorella Valentina e di Gabriele.

MORTI:

Angela Tronconi                     22/03/2016

Angelo Tagliaferri                  26/03/2016

Lidia Raspanti                        08/04/2016

Pietro Vellutini                       08/04/2016

Gidolfa Calamini                    20/04/2016

Vanna Visani                          16/05/2016

Antonio Brunelli                     17/05/2016

Marisa Spada                         21/05/2016

Luigia Mattioli                                   25/05/2016

Leonardo Tozzola                   26/05/2016

Giacomo Giacometti              11/06/2016

Giovanni Pozzi                                    15/06/2016

Federico Roncassaglia           21/06/2016

Giovanni Signani                    26/06/2016

Lea Visani                               29/06/2016

Alfonsina Trisaldi                   25/07/2016

Celestina Leonardi                 13/08/2016

Primo Montefiori                   27/08/2016

Anna Maria Marchi               27/08/2016

Rino Visani                             15/09/2016

Pietro Fiorentini                     22/09/2016

Giuseppina Poli                      24/09/2016

Giuseppe Benericetti             14/10/2016

-Sinceramente rattristati ed addolarati per la morte dell’ ex collaboratore ed amico Ermanno Ravagli,  la nostra redazione esprime le più vive e sentite condoglianze alla moglie Anna e ai figli Raffaella ed Emiliano.

MATRIMONI:

Denise Menzolini e Michele Baracani          02/04/2016

Elisa Fabbri e Fabio Righini                           04/06/2016

Domenica Fabbri e Bruno Ferrini                 04/06/2016

Elisabetta Cenni e Luca Giannelli                 26/06/2016

Silvia Bandini e Nicola Pozzi                          09/07/2016

Silvia Baruzzi e Fabio Bartolini                      16/07/2016

Milena Barzagli e Massimo Galassi              23/07/2016

Jessica Bertaccini e Fabio Mauri                  23/07/2016

Erika Linguerri e Luca Baldassarri                23/07/2016

Barbara Vernia e Fabio Menichetti              20/08/2016

Simona Balducci e Andrea Liberti                 10/09/2016

Gabriela Violeta Dumi Trache e

Federico Dall’Osso                                        17/09/2016    

Angela Gentilini e Giancarlo Faziani             24/09/2016                

LO SPECCHIO.. QUANTI  RICORDI..STRUGGENTI.. E..RUGGENTI

In occasione delle celebrazioni dei 50 anni de LoSpecchio (che ha visto garantita la sua continuità storica da LoSpekkietto) ecco un raccolta di ricordi e testimonianze dalle prime redazioni

 

I RICORDI DI FABIO PIOLANTI

 

Cinquanta anni fa - io ne avevo venti - nasceva Lo Specchio. Questo lo ricordo bene così come ricordo che quell’anno moriva Don Lorenzo Milani e i tank sovietici entravano a Praga. Tutta roba che segna.

Per una qualche ragione ero a capo del Clan e cercavo di costruire, con la solita  forte passione che aveva alimentato tutta la mia esperienza scout,  momenti di coesione per i dieci-quindici ragazzi che costituivano la punta avanzata del movimento a Casola.

Avevano circa sedici-diciotto anni. Era la prima leva che si affacciava alla vita sociale dalla nostra fondazione e trattenerli nel gruppo e nella Parrocchia non era facile.

Cominciava a sentirsi in giro una voglia di cambiamento che è ben leggibile oggi, ma che in quegli anni si manifestava in una tensione indistinta verso la partecipazione alla vita pubblica, spesso in forme contraddittorie e conflittuali, anche per una comunità di periferia come la nostra.

Sarà stato il ’68 alle porte, sarà stata la nostra idea di servizio da proiettare all’esterno, sarà stato proprio il messaggio recente di don Milani sul primato dell’educazione e della partecipazione, ma a me venne spontaneo pensare a un giornalino che non doveva raccontare solo le attività degli scout e la vita parrocchiale ma riflettere gli accadimenti del paese in tutti i suoi aspetti.

Il nome che proposi, Lo Specchio, doveva essere appunto l’estratto di queste convinzioni, di sicuro un po’ velleitarie e sovradimensionate rispetto ai poveri mezzi a nostra disposizione ma c’è forse qualcuno che può dubitare del coraggio  e dell’entusiasmo dei vent’anni?.

Il giornalino avrebbe dovuto assolvere ad alcune funzioni informative locati in un periodo in cui i mezzi di comunicazione erano per lo più limitati alla dimensione nazionale, mentre erano del tutto assenti a livello locale.

 

 

Premetto che lo spirito solidale espresso nella bella poesia di Riccardo è condivisibile e meritoria. Vorrei però sottolineare che scappare dalla guerra attraversando il mare, tra l’altro prendendosi il rischio di finire annegati, non è l’unica opzione. “Al di la dal mare”, parlo dal nostro punto di vista, non tutto è inferno. Esistono nazioni come la Turchia, la Tunisia, l’Algeria e addirittura il Sud Africa per i profughi etiopi e somali, che sono molto più accessibili dell’Italia e dove è possibile trovare un rifugio sicuro per la propria vita e per la propria dignità. L’intenzione espressa da chi preferisce invece “attraversare il mare” è chiara. Non interessa sfollare in attesa che la pace trionfi e sia finalmente possibile il ritorno, interessa piuttosto fare una scelta definitiva: quella di stabilirsi per sempre in Europa. Dunque, una migrazione dove prevale la l’opzione economica. Se così non fosse non si spiega come mai il campo allestito in Turchia tra Bozuyuk e Kutahya, esteso su un territorio che potrebbe comodamente contenere  parecchie volte l’abitato di Casola, territorio pieno di casette prefabbricate allineate con una precisione quasi teutonica, sia completamente vuoto. Sono passato li davanti non più di 15 giorni fa e ho chiesto all’autista di fare una sosta per vedere da vicino questa meraviglia che magari farebbe comodo anche da noi per alloggiare i nostri terremotati del centro Italia. Struttura nuova, bella, comoda, attrezzata e… inesorabilmente vuota. Non si tratta quindi di “…brandire bastoni e ricacciare quelle mani da dove sono venute.”, per fortuna la stragrande maggioranza degli europei non pensa a questo.

Il 28 gennaio 2017 i ragazzi dell’Ape e Fiordaliso sono stati invitati ad un evento molto emozionante, il regista Casolano Fabio Donatini, in collaborazione con  la  proloco di Casola Vasenio , ha un incontro . lezione sul cinema interamente dedicato a persone  che difficilmente avrebbero l’opportunità di vedere e conoscere come nasce un film iniziando dall’idea,  la storia,il soggetto e le sceneggiature. La mattinata che si è svolta nell’aula magna delle ex Medie e a visto la partecipazione di molte persone, ad ognuno di noi è stato chiesto quale genere cinematografico piaceva di più, sono state fatte delle riprese e abbiamo anche provato a recitare una piccola parte del copione.

Oltre al regista erano presenti anche una sua collaboratrice, un cameramen e un attore comico di Riolo Terme, Alan Giagni, molto simpatico che ci ha fatto divertire con le sue battute.

Abbiamo pranzato tutti insieme, con polenta al ragù, pizza e dolci, offerti dall’Agriturismo Oriali.

Dopo pranzo siamo andati nel piazzale della chiesa e ci anno illustrato il cortometraggio che intendono realizzare, il cui titolo è “CRONACA ROSA”.

Per realizzare questo cortometraggio e proseguire per proseguire per questa avventura servono finanziamenti e io spero nella generosità di tutti, perché sarebbe davvero molto bello ed entusiasmante poter recitare in un film e dar voce a chi diversamente non ne ha.

A cura di Jader Cavina      

ERAVAMO  2617 ED ORA SIAMO 2650

( i dati  sono quelli ufficiali risultanti all’anagrafe del comune di Casola V,)

All’inizio del 2016 a Casola  Valsenio,  secondo l’anagrafe,  eravamo  2617 ; a fine anno siamo  2650 e pertanto registriamo un aumento della popolazione residente di  33 cittadini.

 

(nota:  M = Maschi ; F = Femmine) N.B. Tutti  i nuovi nati  sono venuti alla luce nei centri sanitari dei distretti: Nessun  bimbo è nato nel territorio del comune.

Popolazione residente

Al 1 Gennaio 2016 : Tot. 2.617          di cui   M.  1.323        F.  1.294

Al 31 Dicembre 2016: Tot. 2.650      di cui   M.  1.360        F.  1.290

Differenza : + 33                                 di cui  M.      +37       F.        -4

Nati e morti  nell’anno 2016

Nati:  Tot.  21                                      di cui  M.  12             F.    9

Morti: Tot. 32                                     di cui  M.  18             F.  14

Diff.   fra nati e morti: Tot. - 11       di cui   M.  - 6             F.  - 5

 

 

Iscritti e cancellati  dall’anagrafe

 

Iscritti / immigrati da altro comune: Tot. 55                       di cui  M.  30              F.  25

Iscritti/immigrati da estero o altro:   Tot. 61                       di cui  M.  53              F.    8

Totale iscritti /immigrati o altro : 116                   di cui  M.  83              F.  33                          

 

Cancellati/emigrati ad altro comune:   Tot. 61        di cui  M.  34              F.  27

Cancellati/emigrati all’estero  o altro:  Tot.  12      di cui  M.    6              F.    5

Totale cancellati/emigrati o altro:  Tot.  72                      di cui  M.  40              F.  32

Differenza fra iscritti e cancellati: Tot.  +44                      di cui  M.  +43                       F.  +1

Cittadini stranieri iscritti all’anagrafe al 31/12/2016

Belgio             M.  1               F.  1                 Tot.  2

Germania       M.  0               F.  1                 Tot.  1

Polonia            M.  0               F.  3                 Tot.  3

Slovacchia       M.  0               F.  1                 Tot.  1

Bulgaria          M.  0               F.  1                 Tot.  1

Paesi Bassi      M.  1               F.  0                 Tot.  1

Romania         M. 18              F. 43                Tot. 61

Albania           M. 36              F. 28                Tot. 64

Moldova         M.  0               F.  0                 Tot.  0

Rep. Di Serbia M.  3               F.  3                 Tot.  6

Kosovo            M.  0               F.  2                 Tot.  2

Macedonia     M.  1               F.  1                 Tot.  2

Ucraina           M.  2               F.  6                 Tot.  8

Gambia           M.  9               F.  0                 Tot.  9

Marocco         M. 14              F. 11                Tot. 25

Mali                M.  8               F.  0                 Tot.  8

Tunisia                        M.  3               F.  1                 Tot.  4

Brasile            M.  1               F.  1                 Tot.  2

Filippine          M.  1               F.  0                 Tot.  1

Pakistan          M. 41              F.  0                 Tot. 41

India                M.  4               F.  1                 Tot.  5

Rep. P. Cina    M.  0               F.  1                 Tot.  1

Russia Feder.   M.  0              F.  1                 Tot.  1

Costa d’Avor.  M.  1               F.  0                 Tot.  1

Guinea                        M.  5               F.  0                 Tot.  5

Senegal           M.  4               F.  0                 Tot.  4

Bangladesh     M.  4               F.  0                 Tot.  4

TOTALI            M. 157                        F. 106              M+F.  263

Da qualche anno è sorta nella zona industriale di Valsenio, occupando parte dell’area Lasi Faber (ex Ferromax), una centrale di produzione di pellet che realizza il proprio ciclo produttivo utilizzando il legno di terreni boschivi delle nostre colline. La centrale è stata realizzata ed è gestita dalla società Senio Agroenergie.  Abbiamo chiesto al Presidente della società, Devis Caroli di raccontarci come è nata questa attività e le modalità di produzione e di commercializzazione del loro prodotto. Ecco di seguito quanto gentilmente ci ha illustrato:

L'idea nasce da un gruppo di agricoltori locali associati a Coldiretti e con il supporto finanziario della Bcc Romagna Occidentale, partendo dal rischio di una parziale riconversione culturale, vista la drammatica situazione dei castagneti di alcuni anni fa (unica vera fonte di reddito dell'alta collina) a seguito degli attacchi del parassita “Vespa Cinese del Castagno”.

Questo avrebbe portato al rischio di abbandono del territorio, con tutti annessi e connessi (rischio idrogeologico, rischio incendi, ecc.).

Successivamente si presentò la possibilità di partecipare a un bando del PSR (Piano di Sviluppo Rurale della Regione Emilia Romagna), per realizzare un impianto di produzione del pellet, utilizzando il legno proveniente da una “filiera corta”; il mercato del pellet ha avuto una forte espansione a livello mondiale, ma purtroppo, in Italia, il prodotto viene prevalentemente acquistato sfuso dall'estero (quindi, anche di dubbia provenienza) e, nel nostro paese; viene quasi sempre, solo confezionato.

Per il Comune di Casola Valsenio e tutto il suo territorio è un bel risultato ottenere i 
finanziamenti del Governo per il nuovo impianto sportivo alla Furina, come annunciato il 20 
febbraio dal Ministro Luca Lotti al Cinema Senio. Peccato che al bell’annuncio non sia 
seguito un pubblico dibattito, che avrebbe consentito vari contributi, compreso il nostro.
Recita un’epigrafe sul Palazzo Castani in Piazza San Sepolcro a Milano (cfr. Giancarlo 
Consonni, “Urbanità e bellezza”, ed. Solfanelli): “ELEGANTIAE PUBLICAE COMMODITATI 
PRIVATAE”. Questa frase condensa il senso del “fare città”: ciò che si va a realizzare sia di 
soddisfazione, per bellezza al pubblico e per comfort al privato.
Questo per noi significa che la scelta di localizzazione dell’impianto, oltre ad essere 
tecnicamente ed economicamente valida, debba essere appropriata alla natura del luogo. 
Perché ogni città è stratificazione storica dei luoghi.
Ci chiediamo se una realtà pedecollinare, morfologicamente propensa alla viticoltura di 
qualità, sia per la bontà del terreno sia per la sua esposizione, circondata da boschi, 
riserve naturali di specie arboree e faunistiche, ed anche una realtà insediativa già in atto, 
possa essere compromessa non tanto dal sedime dell’impianto —che comunque ha 
notevole impatto in estensione ed in altezza (tribune, illuminazione)— quanto 
dall’inquinamento acustico, luminoso e dei rifiuti conseguente ad una notevole 
concentrazione di persone non sempre silenziose e tranquille, nonché di mezzi 
maldestramente dispersi nelle aree limitrofe, oltre che nei parcheggi dedicati.
Stante l’esperienza di situazioni analoghe in aree urbane più vaste, nelle quali gli impianti 
sportivi sono stati spostati nel tempo verso l’esterno, distanti dai centri abitati, sarebbe 
opportuna una riflessione attenta sulla scelta di localizzazione.
Questo non esclude la realizzazione di un piccolo campo di calcio per allenamenti, al 
quale attribuire anche altre valenze: elisoccorso, festa dei frutti antichi e dimenticati, 
mercato delle erbe, legati alle specificità dello splendido Giardino Officinale, di rilevanza 
europea: tutte attività degne della scala urbanistica di Casola.
Questo, lasciando l’impianto calcistico regolamentare ad aree pianeggianti, 
opportunamente distanti dai centri già densamente popolati, viabilisticamente accessibili e 
controllabili, baricentro rispetto agli altri Comuni dell’Unione.
Chi vuol bene a Casola si augura, insieme all’Amministrazione, che il nostro paese possa 
riconfermare sempre di essere “una favola”. Con un occhio attento alla realtà sostenibile.
 
Antonella Cortesi
 
 

La redazione de Lo Spekkietto ha chiesto a Graziano Caroli, presidente de L’Associazione per la valorizzazione delle erbe e dei frutti dimenticati, di presentare ai nostri lettori un po’ di storia, gli scopi e le novità che la riguardano.

L’Associazione per la valorizzazione delle erbe e dei frutti dimenticati, nata poco più di tre anni fa con presidente Filippo Gentilini, ha fra i propri scopi quello di promuovere e dare risalto alle erbe aromatiche e ai frutti dimenticati; l’associazione conta una trentina di soci costituiti da aziende agricole, agriturismi e ristoranti. In questi anni ha partecipato a fiere importanti come il SANA di Bologna e a tante sagre dove le aziende che hanno presenziato, hanno contribuito a fare conoscere le peculiarità di Casola Valsenio. Un altro scopo è anche quello di creare un piccolo indotto dalla trasformazione dei frutti dimenticati e delle erbe. Uno dei progetti più importanti è stata la creazione di un laboratorio, a norma di legge, per la preparazione delle confetture, un progetto che è arrivato al traguardo quest’anno ai primi di settembre. Importante è stata la partecipazione al progetto dell’ASP Solidarietà Insieme che ha creduto nel progetto, in particolare nella figura del presidente Roberto Rinaldi Ceroni, che ha messo a disposizione un finanziamento che è servito in buona parte per l’acquisto delle attrezzature.

Cosa prevedeva il progetto? Il coinvolgimento dei ragazzi dell’ Ape e Fiordaliso, struttura dove sono presenti dei ragazzi con disabilità. I vasetti di confetture una volta che escono dal laboratorio vengono portati al centro dell’Ape e Fiordaliso dove i ragazzi li confezionano esternamente, vedi cappucci o fiocchi per abbellirli. Questo lavoro dà a loro la possibilità di sentirsi utili, di fare qualcosa di importante e così, quando il consumatore acquista un vasetto di confetture, porta a casa un qualcosa che ha anche un carattere sociale. L’associazione in questi anni ha anche sviluppato dei corsi, che si sono tenuti dove l’associazione ha sede e dove si trova il laboratorio, nella ex scuola media, adesso Casa delle associazioni, per il conseguimento dell’attestato di idoneità sanitaria obbligatorio per chi manipola alimenti, corsi volti ad apprendere nozioni sulla preparazione ed etichettatura dei prodotti. Questi corsi e altri ancora verranno ripetuti durante l’inverno per essere sempre aggiornati sulle nuove normative. A giugno l’associazione ha avuto, per scadenza del mandato, il cambio del presidente; i soci ringraziano Filippo Gentilini per il lavoro svolto in questi tre anni. L’attuale presidente è Caroli Graziano che invita le aziende che non hanno ancora aderito a farci un pensiero  perche più siamo e più l’associazione sara forte per mettere in campo in futuro progetti importanti. Buona marmellata a tutti.

Graziano Caroli

Riceviamo dai ragazzi dei centri “ L’Ape” e “ Fiordaliso” gestiti dall’ASP della Romagna Faentina e con sede al piano terra della Casa Protetta del nostro paese questo contributo a nome di Mirko Pedrini, volontario delle due strutture. Mirko è originario di Riolo e lì abita ma da tanti anni frequenta la nostra casa protetta come volontario tanto da essere ormai un quasi casolano. Da questo numero ospiteremo sullo Spekkietto una rubrica che si chiamerà Fiordape. Potremo così seguire anche sulle nostre pagine le attività che i ragazzi, gli operatori e gli animatori organizzano e gestiscono nella loro quotidianità. Benvenuto Fiordape!

I CENTRI APE E FIORDALISO

Il centro diurno il Fiordaliso è stato fondato nel mese di luglio 2004 per venire incontro ai genitori con figli che hanno delle problematiche.

Il centro occupazionale Ape è stato aperto invece nel 2013; l’attività svolta principalmente è il confezionamento di tappi oppure di mollette colorate, che noi ragazzi dobbiamo mettere nelle scatoline. Questi articoli ci vengono forniti dalla ditta Signani di Casola Valsenio.

Altri lavori riguardano la preparazione e decorazione di sacchettini di lavanda per il giardino officinale “Augusto Rinaldi Ceroni”, e di recente l’etichettatura di vasetti provenienti dal laboratorio di marmellate di Casola Valsenio.

Noi ragazzi siamo anche impegnati in attività manuali destinate alla creazione di vari oggetti per i mercatini locali, come ad esempio la pittura su stoffa, decoupage e cartonaggio.

Il 17 agosto è cominciata la nostra avventura a Sappada (Belluno);dopo aver passato la notte in campeggio, abbiamo preso la seggiovia per iniziare il nostro cammino. Abbiamo trascorso 3 giorni sulle Dolomiti, che avventura!  L’ostacolo del primo giorno è stato oltrepassare il “passo del mulo” che ci ha portati ad un rifugio dove abbiamo piantato le tende.

Il secondo giorno ci siamo incamminati con destinazione... il monte Peralba! Breve ma molto, molto intensa. Purtroppo il tempo non ci ha permesso di concludere la camminata prevista e siamo stati “costretti” e cambiare programma. Eliminato un pezzo di cammino (che peccato!), abbiamo lasciato gli zaini al rifugio e siamo partiti per una breve passeggiata (senza zaini si va con un filo di gasss...).

Abbiamo montato le tende e ci siamo riscaldati nel rifugio Calvi (2164m).

“Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi...” per la nostra gioia, il terzo giorno abbiamo concluso il tratto di strada che non avevamo fatto il giorno prima. La scalata del monte Peralba (2694m) è stata molto faticosa ma la gioia e la meraviglia hanno ricompensato tutte le fatiche. Dopo avere lasciato il nostro fazzolettone e la catenina con il nome Ester sulla croce posizionata nella cima della montagna, siamo tornati al rifugio (passando per l’Austria ☺). La sera, ritornati alla civiltà, ci hanno accolti i genitori del Don con una deliziosa cenetta a base di funghi. Il giorno dopo, i capi ci hanno diviso in pattuglie e siamo partiti per l’hike. Maria e Filippo, i poveretti, dopo avere oltrepassato un monte sono riusciti a trovare ospitalità in un campeggio, mentre Emma e Francesca sono riuscite a guadagnarsi una stanza in albergo. Tornati al campeggio Val Visdende abbiamo raggiunto la famosa dimora di “Don Lino Caprio”. Don Lino Caprio ci ha accolti in un bellissimo ristorante dove abbiamo mangiato: funghi, capriolo, polenta e formaggio. Diciamo che questo “Don Lino Caprio” ci ha accolti proprio bene, e per la prima volta siamo andati a dormire con la pancia piena. Il penultimo giorno l’abbiamo passato dal mitico sindaco di Lozzo di Cadore (zio dei Manfreda).

L’ultima notte l’abbiamo passata lì e con tanta tristezza siamo ripartiti verso Casola Valsenio. Ringraziamo i nostri capi che ci hanno organizzato questa bellissima route in cui abbiamo provato tantissime emozioni indescrivibili.

Un saluto dal Clan (Maria, Filippo, Laura, Emma, Francesca)

CENA DI SOLDARIETA’

Anche questa volta, di fronte ad un’altra tragedia che ha colpito il nostro Paese, pochi giorni dopo il terremoto del centro Italia, Casola è stata capace di mostrare il suo lato migliore, quello della solidarietà, della vicinanza alle popolazioni affrante da una forza distruttrice che ha portato via case, affetti, ma soprattuto vite umane. Al di là di tutte le polemiche possibili, di tutte le frasi fatte e di tutto quello che di più viene detto in queste circostanze, resta fondamentale che è bello e incoraggiante vedere come una comunità, la nostra, si muova per aiutare chi ha bisogno, senza se e senza ma. A questo proposito pensiamo sia doveroso, anche a qualche mese di distanza, fare qualche domanda a una di quelle che persone che hanno reso possibile la cena di solidarietà del 3 settembre. Ringraziamo quindi Cinzia Caruso, membro della Pro-Loco di Casola, per la disponibilità.

Raccontaci anzitutto come è nata l’idea.

Lo sgomento difronte alla notizia ci ha stretto in un unico intento che era quello di aiutare. Come a noi l’esigenza è nata anche al volontariato casolano e  a semplici cittadini che sentivano fortemente la necessità di donare. Quindi quando è arrivata dall’UNPLI, l’associazione nazionale delle Pro Loco, l’indicazione di organizzare un evento per la raccolta fondi pro terremotati, ci siamo subito mobilitati.

Quali associazioni hanno partecipato all’organizzazione e alla realizzazione della cena di solidarietà?

Nella concitazione del momento confesso che non siamo riusciti a contattare tutte le associazione casolane . Nel corso dei preparativi molte hanno  aderire spontaneamente.

 Le associazioni che hanno condiviso questo bellissimo momento sono: AIDO, ALPINI, ANPI, AUSER Le Colonne, Avis Casola Valsenio, Cfc Casola, CREATIVI SOPRA LA MEDIA, FEDERCACCIA SEZ. di Casola Valsenio, GEMELLAGGIO, MISERICORDIA, Pro Loco Casola Valsenio.

Quanti volontari hanno collaborato?

Non so dire di preciso, ma di sicuro lo sforzo non è pesato solo sulla Pro Loco; una mano L’hanno data tutti.

Proviamo a dare un po’ di numeri.

Pasti serviti?

Tra i 450 e i 500

Persone coinvolte?

20/30

Quante persone avete stimato che fossero presenti?

Le persone presenti sicuramente erano maggiori di quelle servite a tavola perché molti  pur non partecipando alla cena hanno lasciato un’offerta al banco posizionato all’entrata della piazza.

Ricavato?

6329,13€

Quanto è stato devoluto in beneficenza?

Tutto l’incasso, le associazioni partecipanti si sono divise le spese.

A chi è stato devoluto?

Alla Protezione civile Emilia Romagna.

Andiamo sul personale. A parte il successo della serata, che cosa ti sei portata a casa da questa esperienza. Un pensiero, un’emozione, una riflessione.

L’orgoglio di appartenere ad una comunità  molto generosa  e solidale, che al bisogno  supera qualsiasi barriera per donare  speranza  a chi l’ha perduta.

Grazie

Riccardo Albonetti

Questa volta, la considerazione di Papa Francesco è scelta male. Infatti, è  più facile trovare indifferenza, verso le sofferenze del prossimo, a casa di chi non ama gli animali, piuttosto del contrario. Questo concetto è espresso molto chiaramente dalle seguenti persone:

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. (Gandhi)

Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà. (Emile Zola)

Nessuno dovrebbe tollerare che vengano inflitte agli animali delle sofferenze e neppure declinare le proprie responsabilità. Nessuno dovrebbe starsene tranquillo pensando che altrimenti si immischierebbe in affari che non lo riguardano. Quando tanti maltrattamenti vengono inflitti agli animali, quando essi agonizzano ignorati per colpa di uomini senza cuore, siamo tutti colpevoli. (Albert Schweitzer) 

Puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta le bestie. (I. Kant)

Trovo inaccettabile che la violenza costituisca la base di alcune delle nostre abitudini alimentari. (Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama)

Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana. (Albert Einstein)

Verrà il tempo in cui l'uomo non dovrà più uccidere per mangiare, ed anche l'uccisione di un solo animale sarà considerato un grave delitto. (Leonardo da Vinci)