Dai servizi sociali associati del comprensorio faentino arriva un aiuto alle famiglie numerose. In questi giorni si è aperto il bando per l’erogazione dei contributi per l’abbattimento dei costi di servizio per le famiglie con numero di figli pari o superiore a quattro, compresi i minori in affido. L’area di intervento si riferisce quindi ai comuni di Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo.


Sono ammessi all’erogazione dei contributi i soggetti che alla data della presentazione della domanda sono in possesso dei requisiti che seguono. In primis la presenza nella famiglia di almeno quattro figli fiscalmente a carico, conviventi e di età non superiore a 26 anni, si computano anche i minori in affido e non si applica il limite di età per i figli totalmente inabili. Al secondo punto che il nucleo familiare con attestazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente del nucleo familiare, riferita all’anno 2008 abbia valore non superiore a 25.000,00 euro. Non saranno considerate attendibili le domande che presentano un ISE pari a zero e/o pari od inferiore al canone di locazione regolarmente pagato.
Ed ancora i richiedenti abbiano la cittadinanza italiana con residenza anagrafica in un Comune della Zona sociale di Faenza, alla data di presentazione della domanda, per i richiedenti con cittadinanza comunitaria abbiano la residenza anagrafica da almeno un anno in un Comune della Zona sociale di Faenza, alla data di presentazione della domanda e documento di attestazione di regolarità di soggiorno in corso di validità, e per i richiedenti con cittadinanza extracomunitaria che abbiano la residenza anagrafica da almeno un anno in un Comune della Zona sociale di Faenza e possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (già carta di soggiorno) in corso di validità alla data di presentazione della domanda.
Per ulteriori informazioni rivolgersi a: Centro per le famiglie, Via degli Insorti n.2 – Faenza - Tel. 0546/691871-73 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Condividi questo articolo
FaceBook  Twitter