Giustifico  l’eccesso immesso nel titolo  di questo scritto  con il disagio che io vivo in questo momento politico importante come forse troppi altri militanti del Partito Democratico . Abbiamo in molti creduto e crediamo in un Partito di Centro sinistra capace di coinvolgere grandi masse popolari e ceti medi produttivi per averli partecipi in una alleanza di Governo che ci facesse andare oltre le disavventure uliviste di Prodi- Per questo abbiamo in molti creduto e , per quanto mi riguarda, continuo a credere, che la  Segreteria Renzi possa essere la giusta strada.

Ed abbiamo sperato  anche che in tutta la sinistra storica   che il ricordo di un passato poco felice  facesse scuola per tutti coloro che nel Partito hanno responsabilità operative .

Per esemplificare faccio riferimento ai comportamenti di alcune persone non scelte a caso che militano nel partito col compito di servizio verso l’elettorato

Il nostro Sindaco Nicola Iseppi , il Deputato Europeo Sergio  Cofferati ,ed infine il cosi detto Gruppo di parlamentari dissidente  sulla strategia  del Partito in materia di riforme istituzionali e legge elettorale.

Politici impegnati in compiti diversi, ma tutti sotto la stessa Bandiera ,un vessillo cui sono affezionati milioni di persone che nelle elezioni europee hanno riversato su quel simbolo  il 40% dei voti- Un Partito diretto da un Segretario regolarmente eletto , che , guarda caso , è anche Presidente del Consiglio che sa farsi valere in Europa, nel Mondo  ed in Italia come dimostrano le buone prove date ed i primi risultati raggiunti dopo meno di un anno dall'insediamento.

 

Ognuna delle persone dissidenti è ovviamente libera di esprimere opinioni contrarie , ma per farlo ha dei limiti dettati dalla appartenenza alla stessa “bottega”,e la possibilità di usare le sedi democratiche di Partito e non i Giornalisti amici che spesso hanno l’interesse a favorire ed ampliare le diversità  per trasformarle in caos.
 Guardando agli atteggiamenti delle persone già citate, noti che il Sindaco di un piccolo comune (Iseppi) che ha mille motivi per protestare e lamentarsi del Governo ed anche del Suo Partito per la condizione  della finanza dei piccoli comuni, sta ogni giorno alla stanga cercando di fare, nonostante i sacrifici e la fatica, gli interessi dei cittadini che lo hanno votato , costretto anche a provvedimenti mal digeribili , ma indispensabili che , se non ben gestiti, potrebbero mettere in gioco la soggettività e la storia del Paese. Lui è lì ,brontola, lo fa nel Partito,ne parla negli organi comunali, ma non ricatta e non si mette alla finestra. 

Di contro ci troviamo l'on.le Cofferati, già valente,ma anche discusso dirigente sindacale , che come premio alla carriera, Lui di Cremona, fu eletto Sindaco di Bologna, poi ,dopo un mandato , a ripremio della carriera, deputato europea ed ora a “riripremio” il 2° mandato parlamentare  .

Gli sembrò di avere anche il diritto di fare il Governatore della Liguria e si candidò alle primarie , ma una altra candidata lo ha trombato- Allora il Tipo ha sollevato il sospetto dei brogli elettorali . Dopo avere verificati i brogli, e la conferma del risultato non si è rimesso alla stanga a tirare come gli altri , ma alla finestra  e si è dimesso dal Partito , …....non dal Parlamento Europeo- Faccio notare la differenza tra Nicola e Sergio, (figli della stessa mamma PD) - Nicola non riceve nulla dal Partito se non incoraggiamenti e suggerimenti una tantum e richieste di tenere botta. Sergio ha ricevuto la solidarietà di tutta la minoranza del PD Nazionale che ne ha fatto elemento da portare al tavolo nazionale dove si definiscono le riforme istituzionali ed elettorale e dove si deciderà la Presidenza della Repubblica . Quanta pazienza ci vuole per sopportare queste cose che il Segretario Renzi non deve però dichiarare chiuse per smorzare polemiche .Se hanno da scoppiare scoppino!

Mi resta ancora una speranza .Tra i membri della minoranza nazionale, c'è anche BERSANI che è persona saggia e tranquilla . Spero nella Sua saggezza ed in quella di Renzi .

 Giacomo Giacometti                       

Condividi questo articolo
FaceBook  Twitter  

Devi essere un utente registrato per inserire commenti