Conoscere il territorio attraverso le suggestioni delle oscurità verticali del carsismo della Vena del gesso. Nell'ambito della manifestazioni della 'Settimana Europea dei Parchi 2009', la sala Pifferi del Cardello ospiterà la mostra La grotta del rio Basino, progetto di studio multidisciplinare a cura della Federazione Speleologica Regionale dell'Emilia-Romagna.





L'inaugurazione è prevista per le ore 16.00 di sabato 23 maggio, con l'intervento di Massimo Ercolani presidente della Federazione Speleologica Regionale e Giorgio Sagrini sindaco di Casola Valsenio. Alle ore 16.30, visita guidata alla mostra e alle ore 17.00 letture di Massimo 'Max' Goldoni.
La mostra sarà visitabile domenica 24 maggio e da sabato 30 maggio a martedì 2 giugno, dalle ore 10.00 alle ore 18.00.
Sono previste due escursioni organizzate dalla Federazione Speleologica Regionale per la giornata di domenica 24 maggio alla Grotta della Lucerna e domenica 31 maggio, lungo i sentieri di Monte Mauro.
Per info e prenotazioni, Ufficio Informazioni Turistiche, Via Roma 50 - Casola Valsenio.Tel. 054673033 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il progetto Stella-Basino nella Vena del Gesso Romagnola
Il sistema carsico 'Stella-Basino' è al centro di un progetto multidisciplinare, promosso dalla Federazione Speleologica Regionale dell'Emilia-Romagna con il contributo del servizio geologico sismico e dei suoli della regione Emilia-Romagna e del Parco regionale della Vena del gesso romagnola.
Anche recentemente sono stati realizzati studi e indagini che affrontano, in maniera sistematica, i tanti motivi di interesse di un ambiente carsico gessoso tra i più estesi e importanti dell'intero continente. Il progetto si avvale delle conoscenze acquisite in oltre 80 anni di esplorazioni e ricerche speleologiche nella Vena del Gesso Romagnola.Data la complessità dello studio sono stati coinvolti ricercatori di varie discipline, nonché le Università di Bologna e Modena-Reggio Emilia.
Condividi questo articolo
FaceBook  Twitter