Scusatemi se i toni saranno bruschi, ma non riesco a nascondermi dietro un velo di finto buonismo...
Sapete che sono 'leggermente' smagato da tutto questo buonismo dilagante? Walter buon uomo Veltroni sparge miele e borotalco, verdi colline, il vento Umbro che spettina leggermente il capello, sogni fatati per l'Italia che è ancora viva grazie a Romano Frodi, ecc. ecc.
Casini che dice che è giunto il momento di pensare alla famiglia (guardate i suoi slogan elettorali!) e a me viene da pensare: che cosa ha fatto Casini fino ad oggi per le nostre famiglie???
E Silvio, verso cui nutro stima importante sia inteso, parla di grande coalizione di regole bipartisan e di altre verità che ritengo sacrosante se solo avessimo di fronte delle persone corrette, ma sembra dimenticare che non meno di 24 mesi fa la sinistra di governo ha eletto in splendida solitudine il Presidente della Repubblica (ex Comunista), il Presidente del Senato (ex Comunista), il Presidente della Camera (ex Sindacalista), il 90% dei presidenti di commissione, ha applicato in modo scientifico quello che con un Inglesismo viene definito spoil sistem (Le spoglie al vincitore!!), ha rimosso i consiglieri di tutte le partecipate statali a cominciare da Fintecna (una sorta di IRI formato mignon con in tasca partecipazioni e danari pubblici!), e via discorrendo. E tutto questo avendo ottenuto non il 98% dei consensi, ma qualcosa di molto vicino al 50%.

Purtroppo la nostra politica è malata di centrismo cronico patologico, che badate bene è cosa diversa dal centro. Il centrismo patologico è una malattia che si coniuga con 'la voce del verbo' POTERE fine a sè stesso e poco ha a che vedere con i valori Cristiani, sociali e tradizionali tanto che centriste rivoluzionarie come la Binetti e la Bindi accettano di stare nella stessa coalizione di Pannella e Bonino. In nome di un ideale da difendere? No, in nome dell'occupazione di una poltrona. E credetimi non è qualunquismo.

Se si è buoni lo si dimostra con i fatti, non con le dichiarazioni, di cui Veltroni è maestro.

Sono preoccupato da tutto questo buonismo, abbiamo problemi complicatissimi da risolvere e per farlo dobbiamo proporre soluzioni partendo però da una chiara disamina delle responsabilità. E' notizia di questi giorni che l'Italia è l'ultima in Europa in quanto a crescita economica, bene, finiamola di raccontare che il problema è il debito pubblico e le scelte sbagliate degli ultimi 20 anni. E' vero, certo che è vero, tutti ne siamo consapevoli, ma dobbiamo anche essere consapevoli che paesi che solo qualche anno fa avevano fondamentali decisamente peggiori dei nostri (Spagna in primo luogo) oggi grazie a politiche di buon senso (e mi riferisco ad Aznar non certo a Zapatero!!!) hanno raggiunto un livello di sviluppo oltre ogni aspettativa.

Il Governo Prodi ha trovato una situazione in deciso miglioramento, con indicatori di crescita che dopo tanto tempo avevano girato al rialzo, un gettito fiscale che aumentava nonostante una riduzione procapite delle imposte, una borsa che aveva macinato risultati pari ad 1,5 volte gli altri paesi Europei, capitali freschi che erano rientrati in Italia, un extra gettito di bilancio. E che cosa ha fatto? Ha negato tutto, ha nominato una commissione (la Faini) che nonostante le intenzioni del governo ha di fatto certificato i buoni risultati ottenuti da Tremonti, sono state azzerate tutte le riforme fiscali, sono stati truccati i conti posticipando entrate agli esercizi successivi e anticipando uscite tutte al primo anno (Iva sulle flotte aziendali e debito RFI) al solo fine di costruire un buco ad arte che sarebbe rientrato per un gioco contabile l'anno successivo. Questo ha dato il pretesto per iniziare una delle più 'sanguinose' politiche fiscali del dopo guerra, un vero e proprio stato di Polizia dove l'Anagrafe Tributaria è in grado di stabilire quanti conti correnti abbiamo, dove gli abbiamo e con una semplice e-mail è in grado di ottenere saldi e movimenti. Esagero? Credetemi no. Si sono inventate le finte liberalizzazioni, che non hanno portato nulla, non un risparmio reale su tariffe e servizi, non un efficientamento della pubblica amministrazione, niente, il vuoto. Non siete d'accordo? Fatemi un esempio.

E sarebbe bene dilungarsi ancora ma rischierei di essere noioso. Il Centro Destra ha cercato di spiegare che così non si andava da nessuna parte, lo hanno fatto i politici e lo hanno fatto i commentatori indipendenti. 'Non è vero, i conti pubblici migliorano, abbiamo salvato l'Italia dai danni di Berlusconi', era la tiritera che i vari Bersani, Visco, TPS, Fassino, Prodi, Pecoraro Scanio ripetevano ogni giorno, con dietro la gran cassa dei quotidiani radical chic a rincarare la dose (Reppublica, Il Corriere della Sera, Il Messaggero, ecc. ecc.).

Chi aveva ragione? Chiedetelo alla Commissione Europea o se volete fare prima chiedetelo ad un lavoratore dipendente con 1200 euro di stipendio.

Allora partiamo da qui, partiamo con il ricordare agli Italiani quanti e quali disastri hanno fatto il Centro Sinistra ed il PD di Veltroni e Prodi (rispettivamente Segretario e Presidente), e poi smettiamola di essere buoni, perchè non si può essere buoni con chi ci ha tolto la libertà e ha reso più poveri noi e le nostre famiglie.

Partendo da un'analisi seria sarà più facile leggere in maniera davvero critica i programmi elettorali che in questi giorni stanno uscendo sui media. Ecco credo che questo sia un passo necessario e penso che ogni contributo che va in questa direzione sia davvero utile a meglio comprendere.

Vi saluto e chiudo con una considerazione: ho letto nei giorni scorsi che Veltroni vuol ridurre le imposte, solo un'immagine mi è venuta alla mente, Dracula che si candida a diventare presidente dell'Avis!!!

Stefano Bertozzi

l'articolo riprende alcune considerazioni recentemente pubblicate suwww.sbertozzi.splinder.com
Condividi questo articolo
FaceBook  Twitter  

Devi essere un utente registrato per inserire commenti