Cultura

Da 40 anni l’edicola di Casola Valsenio è gestita dal signor Giorgio Cantagalli e famiglia.. Esattamente dal 1 Dicembre 1971.
All’inizio, i quotidiani storici come l’Unità , il Resto del Carlino, i settimanali come Oggi , La Domenica del Corriere e Annabella, alcuni fotoromanzi come Grand Hotel, Bolero, Lancio, Sogno e alcuni fumetti per bambini come Topolino, il Corrierino e il Monello, erano sistemati su un semplice tavolo e qualche scansia. Poi un po’ alla volta hanno invaso mezza parete del lungo negozio di Bruscò e uno spazioso bancone, per una esposizione totale di 8 metri. Sono state in seguito aggiunte svariate scansie disposte un po’ qua, un po’ là … alcuni contenitori di videocassette e dvd, qualche cassetta con riviste e giochi per bambini, un po’ qua , un po’ là, e gli ultimi arrivi (forse), appoggiati in terra, attendono una sistemazione meno precaria, ma sono molto visibili.
Mi è capitato di rinvenire alcuni grandi e vecchi fogli seppelliti fra le carte di un archivio. Riportano il censimento delle famiglie della parrocchia di Casola del 1825 per la tassa focatico. Si trattava di un’imposta sul capofamiglia il cui nome derivava dal suo campo di applicazione cioè l’unità familiare che si radunava attorno al camino, servi compresi. In bella grafia sono ordinatamente riportate le famiglie, i loro componenti, il mestiere, la contrada d’abitazione e l’importo della tassa.
...'Era l'anno dei mondiali'.... da giovedì 10 giugno, fino a sabato 10 luglio, sarà in edicola col Corriere della sera il libro “era l’anno dei mondiali”. I9 edizioni dei mondiali di calcio dal 1930 al 2010 raccontate dai componenti dell’Osvaldo soriano football club, la nazionale scrittori di calcio, che già molti casolani iniziano a conoscere essendo diventata Casola sede dei periodici raduni di questa compagine.
Caro Roberto De Luca, responsabile di Live Nation, nonché organizzatore dell’Heineken Jammin Festival.
E’ uscito il programma principale per l’HJF ‘10, interessante e davvero appetitoso.


3 luglio: AEROSMITH (Steven Tyler compreso), Cranberries + 4 artisti da confermare
4 luglio: GREEN DAY, 30 Seconds To Mars, Rise Against + 3 artisti da confermare
5 luglio: BLACK EYED PEAS, Massive Attack (late show dopo i BEP)
6 luglio: PEARL JAM, Ben Harper, Skunk Anansie, Gossip, Wolfmother
La compagnia dialettale “I’amìgh dé dialètt” desidera, attraverso le pagine dello Spekkietto, informare i Casolani su come sono stati destinati i proventi degli incassi delle rappresentazioni della commedia “Mingò su moj, l’U.S.L. e Cumòn”.
Prima di tutto la compagnia desidera ringraziare tutti coloro che, partecipando in massa alle rappresentazioni ci hanno permesso, nelle serate di Venerdì 15 Gennaio e Sabato 16 Gennaio, di fare il tutto esaurito nel Teatro Senio tant'è che si è deciso di replicare la rappresentazione anche nella serata di Domenica 17 Gennaio.
Ci sono gesti, canzoni, che hanno l’effetto magico di aprire delle porte chiuse.
Un uomo che si rade, una donna che si trucca. L’incontro ogni mattina con la propria identità. Guardarsi negli occhi cercando di leggere ciò che si ha dentro. Fare i conti con sé stessi. Piccole storie di vita quotidiana. Niente di nuovo, le solite promesse, l’ennesimo fallimento. Giornate passate a raccogliere le proprie esistenze andate in frantumi. E cercare nuovamente di ricostruire sé stessi.
Ho saputo solo adesso, ma il libro è datato 2008, di questo …ritorno in maggio: storie di montatori e cantieri, scritto da Pier Ugo Acerbi, semplicemente “il De” per tutti i casolani (ma leggendo viene il sospetto che il soprannome possa essere conosciuto a livello planetario!). Pur con ritardo vale la pena parlarne non per completezza “recensoria” delle fatiche letterarie dei nostri compaesani, ma perché il libro è godibile, curioso, divertente e, perché no, anche “educativo”. Non per nozioni, dati o fatti che riporta ma per lo spirito che lo percorre. Su questo torneremo.
Michele ha dieci anni e tanti sogni, tra i quali quello di conoscere il Presidente Pertini. Il suo apprendistato alla vita si consuma tra i banchi scoloriti di una classe elementare sotto la guida di un maestro la cui vita è illuminata da un profeta, Bettino Craxi, che ispira il suo insegnamento. Venticinque anni dopo, Michele si ritrova di nuovo tra quegli stessi banchi scoloriti, ma dall’altra parte della cattedra: è un maestro precario.
Wilco – Teatro Pergola, Firenze – Venerdì 13 Novembre 2009.
L’alba di questa serata, era cominciata un po’ di tempo fa. Seduti attorno al tavolino di un bar, mentre si discuteva sugli aspetti che condizionavano le nostre vite. Un amico, mi consigliava di ascoltare quella band, quella musica.
Wilco, il nome di questa band. “A ghost is born”, il titolo di quella musica.
L’abbazia benedettina di Valsenio è senza dubbio una delle più preziose e antiche testimonianze artistiche che abbelliscano la nostra valle. Al valore estetico assomma infatti un significato culturale che affonda le sue radici nel lavoro svolto nei secoli dai monaci per la bonifica e la coltivazione del territorio, a vantaggio del sostentamento e della vita degli abitanti di tutta la zona circostante. Di fronte a tanta ricchezza non si può restare indifferenti e va dunque salutato con particolare entusiasmo il progetto di ristrutturazione che già da qualche tempo ha mosso i primi passi.
Il CIRCOLO FOTOGRAFICO CASOLANO nel 2009 ha raccolto apprezzamenti e stima da tutti coloro che hanno visionato le nostre attività. Il nostro intento è quello di mantenere alto il livello qualitativo fin qui raggiunto.
CERCHIAMO con la campagna soci 2010 persone appassionate della fotografia e non solo. La fotografia è la nostra missione quindi cerchiamo soci curiosi di cimentarsi in questa disciplina, cerchiamo chi della fotografia ama anche la ricerca di foto storiche per alimentare l’archivio. Ogni ruolo è ben accetto, chiunque può essere utile, anche un socio sostenitore è molto gradito per il solo finanziamento delle attività .
Faresti qualcosa per chi ti considera meschino ?

Come molti sanno, quest'anno abbiamo realizzato i filmati di 'Serata '900'.
L'argomento era 'Oggi Sposi' e molti casolani hanno gentilmente fornito le foto dei propri matrimoni da inserire nei video. Insieme a noi hanno lavorato Maurizio Cardelli, Beppe Sangiorgi, il circolo fotografico ed altri... tutti a titolo gratuito, come accade da quando la manifestazione è nata.
Passeggiavo per Imola e sono capitato davanti a un cartello che pubblicizzava la mostra dei quadri di Nicola Pozzi, al bar 'Ai Giardini' in via Orsini. La mostra è stata inaugurata venerdì 4 dicembre ma è ancora visitabile, e ne vale la pena.
Giuseppe Gamberini, in occasione del centenario della morte, rievoca il su incontro postumo con lo scrittore Alfredo Oriani

COME INCONTRAI ORIANI 50 ANNI DOPO

Il mio primo incontro con Alfredo Oriani, o meglio con le sue opere (non sono così longevo!) risale ai tempi dell’adolescenza.
Frequentavo, a Bologna, la prima classe dell’Istituto Magistrale “Giuseppe Albini”. Da pochi giorni ero sceso, da Casola Valsenio, nel ventre della grande città, lasciando campi, boschi, orizzonti appenninici, mi sentivo come Renzo Tramaglino a Milano: strade che sbucano in altre strade, fino a toglierti il respiro.
La casa che mi ospitava era vuota per tutto il giorno, così, invece di approfittarne per studiare in santa pace, me ne andavo a zonzo come un cane randagio. Mi servivano tanti libri, ma i soldi erano pochi e sempre accompagnati dalla raccomandazione di non spenderli se non per assoluta necessità. Così mi fermavo spesso alla libreria Arnaldo Nanni, a due passi da San Petronio, sotto il portico di Via de’ Musei, a rovistare fra vecchie edizioni a buon mercato.
Fu lì che “incontrai” Alfredo Oriani.
È uscito il libro di Michele Righini «Contemplando affascinati la propria assenza». La città nella narrativa italiana tra Ottocento e Novecento, Bologna, Bononia University Press, 2009 (collana 'Il varco', a cura di Emilio Pasquini e Vittorio Roda). Frutto delle ricerche svolte durante il Dottorato di Ricerca presso il Dipartimento di Italianistica di Bologna, il lavoro esamina il concetto di “luogo letterario” e la rappresentazione dell’immagine urbana moderna, muovendosi tra Manzoni, la Scapigliatura, il poliziesco e il genere dei misteri cittadini.