Cronaca

Si è chiuso domenica 3 novembre, l'incontro internazionale di speleologia "Casola 2013 Underground “C'è qualcosa che dovresti sapere” dopo cinque incredibili giornate.

Vent’anni fa nasceva Nebbia ’93 a Casola Valsenio, il primo raduno “moderno” speleologico. 
Eccoci qua dopo due decenni.
Mi capita spesso di raccontare l’evento ad amici della bassa e mi trovo a dover rispondere alla domanda “Uno speleo che?!”. La risposta è sempre molto concisa “un esploratore di grotte”. E’ difficile spiegare al mondo oltre Casola quello che il raduno porta nella nostra comunità. Non si tratta solo di un grande evento. E’ una condizione nell’aria che cambia. Una frizzante adrenalina che pervade gli abitanti e gli speleologi che arrivano da lontano. Una magia che fa diventare tutti più solidali. 

Il paese si risveglia e si ripopola magicamente per qualche giorno. Sembra che tutto avvenga in un lampo: alcuni giorni prima si intravedono loschi figuri girovagare per il paese. In quei momenti chiunque passi da Casola, anche un finanziere, viene scambiato per uno speleologo. A poco a poco nascono capannoni come funghi, in poche ore, vengono allestite sale, locali, segnaletica ovunque, scenografie bizzarre, mostre. Poi veniamo invasi da pacifici stranieri.
Mia nonna mi diceva: “Arriva La Nebbia?”. E come la nebbia che arriva all’improvviso con un vento da nord arrivano loro a portare uno sprizzo di vita nuova alle nostre giornate. 

Il comune ha reso noto i dati riassuntivi dell’andamento demografico dell’anno 2013. Di seguito in questo articolo i dati sulla popolazione di Casola

Sabato 18 gennaio alle ore 9,30 presso la Sala consigliare del Municipio di Casola Valsenio si è insediato il nuovo Consiglio Comunale dei Ragazzi. Quella di sabato scorso è la seconda esperienza poiché il precedente Consiglio ha già terminato i suoi due anni di attività. Dopo una sentita campagna elettorale all’interno della Scuola secondaria di 1° grado “A. Oriani” è stato Giuseppe Ceroni il più votato e quindi eletto alla carica di Sindaco. Altri consiglieri eletti sono: Caterina Bini, Tommaso Casadio, Letizia Malavolti, Mattia Mascagni e Andrea Visani. Il Sindaco Giuseppe Ceroni ha poi nominato due Assessori: Jacopo Bertozzi, nominato Vice sindaco e Nadir Fabbri.

mons francesco giacomettiOggi pomeriggio dopo una annosa malattia invalidante, all'Ospedale di Imola è deceduto Don Francesco Giacometti.

Era nato a Valsenio dove aveva celebrato la Sua prima Messa nel 1948 e dove ambiva ritornare per concludere la sua missione pastorale nella rinnovata Abbazia. Purtroppo il suo desiderio non si è realizzato. Il Signore lo ha chiamato a Se in anticipo.
Nel momento del rammarico e del dolore lo vogliamo ricordare come Sacerdote dedito al Suo Ministero con zelo e larga disponibilità ad assumere i ruoli che nella Diocesi gli venivano assegnati.

Per tracciarne degnamente la figura riportiamo uno stralcio di uno scritto di Mons.Menetti edito nella occasione del 50° di Sacerdozio. Scriveva l'ARCI "Se mai lo faranno Vescovo vorrò suggerire all'incaricato dell'Araldica ,..il motto "accipio" che significa "Obbedisco " per sottolineare il Suo spirito di servizio e nello sfondo dell'Araldo la catena dei gessi , la Abbazia di Valsenio ed il nome della casa natale "Furma" che erano le culle della Sua vocazione."

50 ANNI DI IMMAGINI DELLO SCOUTISMO CASOLANO – Sabato 13 Aprile 2013

I festeggiamenti per il 50° delle prime promesse scouts a Casola Valsenio, dopo una lunga ed accurata preparazione,  sono iniziati con la proiezione serale di una selezione di foto e filmati che hanno ripercorso l’intero arco dei 50 anni di attività del nostro gruppo scout. Grande partecipazione di pubblico e grande commozione. Scouts vecchi e nuovi e numerosi cittadini hanno affollato la sala del cinema Senio dove la proiezione si è svolta. Oltre all’impegno degli scouts un ringraziamento particolare va rivolto ai collaboratori tecnici : Maurizio Cardelli, Alessandro Lanzoni, Paride Ridolfi ed alla gestione della sala del teatro Senio  per  il generoso e disinteressato aiuto prestato. 

FESTA DI PRIMAVERA – Giovedì 25 e Sabato 27 Aprile 2013

Si sono svolte le sfilate diurna ( giovedì) e notturna (sabato) dei carri allegorici. Tre i carri in  concorso: “ A mani nude” della società Extra, “Scollocati” della società Sisma e “Meno di zero” della società Nuova Peschiera. La sfilata diurna è stata vinta dal carro “Scollocati”, secondo arrivato il carro “A mani nude”, terzo il carro “Meno di zero” che ha invece vinto la sfilata notturna.

Vi regaliamo tre giornate del nostro campo estivo, unico, bello e con un po' di errori, proprio come le pagine di diario che ci riportiamo a casa.

5 agosto 2013

Ciao a tutti! Le Tigri sono di nuovo qua!
Stamattina alle 7,30 eravamo già tutti quanti "sull'attenti" in sede prontissimi per il campo! Dopo il viaggio in corriera siamo finalmente arrivati a Corezzo e subito abbiamo cominciato a caricare e scaricare il trattore e a montare il gli angoli.
Sotto un caldissimo sole ci siamo impegnate per portare a termine le costruzioni e a differenza degli scorsi anni siamo riuscite a finirlo in tempo! Yuppi! 
Più tardi i capi ci hanno chiamato e c'è stato il lancio del tema del campo: Il Giro del Mondo in 80 Giorni! Tutto è basato su una scommessa: se l'uomo riuscirà a completare il giro del mondo in questo numero di giorni, riceverà in cambio 20.000 sterline e sul tema "scommessa" si dovrà basare anche la nostra scenetta per l'arena di stasera!
Ora si cena e poi dobbiamo finire la scenetta.

Un saluto, buona serata!
Sempre cariche a manetta, le Tirgri

 

 

Eccoci di nuovo. Dopo un periodo di inattività sono felice di annunciare il ritorno de LoSpekkietto Online. Il vecchio sito che ci aveva accompagnato per 9 lunghi anni non ha retto a causa dell'obsosescenza della piattaforma, facilmente attaccabile a causa della vulnerabilità -poi emersa nel tempo- della tecnologia che era stata scelta nel lontano 2004 quando sbarcammo in rete. Da maggio infatti abbiamo riscontrato una serie di attività anomale che "iniettavano" centinaia di articoli fasulli al giorno fino a fare collassare il database.

E' stato quindi necessario rifare il sito, cogliendo l'occasione per fare un restyling ma soprattutto per renderlo al passo con tutto quello che nel mondo di internet è successo dal 2004 ad oggi: quasi un'era geologica.


Il nuovo sito è responsivo, ovvero adattabile automaticamente a qualsiasi dispositivo connesso. E' fondamentale cogliere questa occasione, considerando l'evoluzione delle connessioni mobili da smartphone tablet, sempre in crescita.
Nella nuova piattaforma abbiamo incluso i bottoni per condividere gli articoli sulle piattaforme social piu famose: Google, Twitter e Google+. Oltre a questo è presente il motore RSS per poter seguire LoSpekkietto con gli aggregatori, come ad esempio Feedly (ora che il buon vecchio google reader è stato dismesso)

Insomma tutto nuovo con alcuni perfezionamenti da mettere in pista (vedi lettere accentate). Altre funzionalità che saranno nuovamente operative a breve sono la galleria video, il completamento della galleria fotografica e "il martedì" (visto l'incredibile successo che aveva avuto nella precedente piattaforma).
L'archivio storico con tutti gli articoli e i commenti dal 2004 ad oggi sarà ripristinato a breve.

Non mi voglio dilungare con altri tecnicismi; sono molto contento che il web casolano abbia di nuovo uno dei suoi punti di riferimento.

Francesco Rivola

IMPORTANTE: per caricare gli articoli o commentare, gli utenti dovranno registrarsi nuovamente. La procedura guidata è molto semplice.

Webcam orientata in direzione NNE, aggiornamento ogni minuto

 Casola Valsenio Webcam meteocam

In questi giorni ricorre il primo anniversario della morte di Don Leo .
Attingendo ai ricordi personali, alle testimonianze degli amici , dei parrocchiani e conoscenti ripercorro alcuni tratti della Sua Vita e sottolineo alcuni aspetti della Sua personalità .
Tutti gli abbiamo voluto bene in vita e lo ricordiamo anche oggi con affetto .
Gli avevo promesso che , se avessi avuto possibilità di farlo , lo avrei ricordato e catalogato tra i benemeriti Sacerdoti di Casola .
Ciao sono Giuseppe Ridolfi e scrivo dalla Bolivia, non so se possa interessare, io vivo qui in Sud America da piu di 3 anni. Sono partito per fare il volontario in un orfanato di bambini qui a Cochabamba, mi ha dato questa grande possibilità Sandra Landi. E' stata una bellissima esperienza, sono stato 6 mesi in questo hogar, qui la vita è molto difficile, non esiste quasi nulla.
Venerdì 26 ottobre si è tenuto presso il nostro cinema Senio un convegno sul castagno organizzato dal CRPV e dal comune di Casola.
Dopo il vice sindaco Graziano Caroli che ha portato i saluti dell'amministrazione comunale ha introdotto l'argomento il presidente dell'associazione città del castagno descrivendo la multifunzionalità di questa coltivazione.
Gigioli ci ha lasciato da poco ma ci piace ricordarlo attraverso le parole di chi gli è stato vicino negli ultimi quattro anni.
Chiediamo a Cornel (che tutti conosciamo come Cornelio) alcune domande sul suo periodo trascorso insieme.

E' appena trascorsa una delle estati più anomale.
E' appena trascorsa una delle estati che nell'immediato futuro saranno la norma.
Sottolineare la frase giusta. Tranquilli: nessuno c'azzecca.
Non c'è fra noi nessun indovino e Nostradamus non ha predetto nulla al proposito. Però molte analisi di climatologia indicano chiaramente che si sta alterando il clima.
Luigi Quarneti, per tutti noi Gigioli, è morto oggi alla Clinica S.Pier Damiano di Faenza dove era ricoverato da tempo.
E' un'altra persona caratteristica della nostra Casola che ci lascia per andare in Paradiso ad infoltire la rappresentanza del nostro paese.
Di Lui abbiamo tutti il ricordo di una persona modesta, ma carica di affabilità e simpatia.
'Gigioli de Cunsorzi' rispondeva a chi gli chiedeva chi fosse. Ricordava così le sue origini di figlio di operai e Lui stesso orgoglioso operaio al Consorzio di Bonifica.
Barbara Bambi ci racconta la sua esperienza nelle missioni del Kenya.

Nella scorsa estate, a cavallo tra agosto e settembre, Barbara Bambi ha intrapreso un’esperienza di volontariato di notevole spessore in Kenya. Barbara mi racconta che da sempre ha subito il fascino del continente africano e questo l’ha portata a organizzarvi diversi viaggi fin da quand’era molto giovane. Nel corso di questi viaggi vissuti da “turista”, ha maturato la decisione di voler impegnarsi in un progetto che potesse consentirle una più profonda conoscenza delle comunità locali e della loro terra. Certi che un resoconto di tale esperienza possa interessare molti lettori, abbiamo posto qualche domanda a Barbara.