La scuola ha iniziato la sua attività nel 1916 come Asilo d’Infanzia per opera dell’Istituto delle Suore Maestre di S.Dorotea, ma è solo nel 1935 che viene riconosciuta come Ente Scolastico.
Per molti anni fu gestita interamente dalle Dorotee, finché verso la fine degli anni ’80,
alcuni genitori favoriti da un’amicizia che era nata nel frattempo, sentirono il desiderio di realizzare assieme alcuni progetti da proporre al paese; inizia così una stretta collaborazione con la Parrocchia, la Pro Loco e altre associazioni.
Il gruppo iniziale dei genitori si arricchisce di volontari esterni ed è in questo periodo che nasce la Compagnia Teatrale “Chiarazula Marazula” che negli anni successivi avrà vita propria pur mantenendo un legame profondo con la scuola; infatti, nel tempo, l’intero ricavato di tutte le rappresentazioni andrà devoluto a sostegno di una missione delle suore Dorotee in Bolivia, con particolare attenzione alle problematiche dell’infanzia.
Gli anni ’90 sono anni particolarmente difficili, si inizia a parlare di una possibile chiusura della comunità delle Dorotee nel nostro paese, con conseguente chiusura della scuola. Il gruppo attivo dei genitori e volontari, che nel frattempo si era rinnovato, fu messo di fronte ad una gravosa scelta: o accettare la chiusura della scuola o farsi carico interamente della sua gestione; le motivazioni erano forti, certamente superiori ai dubbi e ai timori.
Venne in soccorso l’Arciprete don Giancarlo Menetti che, attivando stretti contatti con l’Istituto si adoperò per il passaggio di competenze alla Parrocchia, che si concluse nel 2006 quando la comunità delle suore Dorotee cessa la sua opera a Casola Valsenio.
La fine degli anni ’90 e i primi anni duemila sono anni di grandi rinnovamenti e scelte importanti: la Direzione e la ragione sociale vengono trasferite alla Parrocchia diventando così Scuola Parrocchiale dell’infanzia S.Dorotea, vengono assunti educatori e personale ausiliario che via via hanno sostituito le Suore Maestre, il riconoscimento come scuola Paritaria con conseguente adeguamento dei locali dovuto per legge, le prime convenzioni con l’Amministrazione comunale, la gestione finanziaria sempre piuttosto sofferta, il disbrigo di pratiche burocratiche all’infinito e tantissimi altri onerosi impegni. Nasce così un vero e proprio Comitato di Gestione composto da genitori, educatori e volontari che è impegnato tutt’oggi. Nel 2008 la scuola ottiene l’autorizzazione all’ampliamento dell’offerta formativa: a fianco della Scuola dell’infanzia nasce uno Spazio bambini in grado di accogliere i bimbi più piccoli dai dodici ai trentasei mesi. Si realizza così il passaggio a Centro per l’infanzia che ospita bambini da uno a sei anni.
 
Questa sintesi è riduttiva al massimo, tuttavia crediamo che si comprenda quanta fatica e sacrifici si siano resi necessari per mantenere aperta la nostra scuola.
Nelle riunioni di Comitato Don Euterio ci sollecita sempre a domandarci: “Perché lo facciamo?”. I genitori rappresentanti cambiano, vanno e vengono, così pure i volontari e sostenitori, le motivazioni posso essere varie, diverse, tuttavia riteniamo che vi sia una motivazione fondamentale che le racchiude tutte e ci unisce ed è la consapevolezza che la nostra scuola sia una testimonianza viva, visibile e operosa, testimonianza che attraversa ormai da cento anni la vita del nostro paese.
Testimonianza che da soli non saremmo mai stati in grado di vivere per tutti questi anni se non ci fosse uno sguardo, una volontà più grande che ci sostiene: nel lavoro e nella speranza ma, soprattutto, nell’educare i nostri bambini e noi stessi a prendere sul serio la vita, eredità sacra e preziosa da proteggere e far crescere. 
 
A cura del Comitato di gestione
 
 
 
Tutta la comunità è invitata a festeggiare e condividere l’ottantesimo anniversario della nascita della scuola:
 
Mercoledì 18 novembre
 
Ore 20:30, Sala Guidani
Incontro “Il valore dell’educazione: testimonianze ed esperienza di un cammino assieme”
 
 
Sabato 21 novembre
 
Ore 15:00-19:00, Centro per l’infanzia “S.Dorotea”
Mostra fotografica storica
 
Ore 17:00, Centro per l’infanzia “S.Dorotea”
Lettura animata de “Il lupo e i sette capretti” a cura di Sonia Galliani
 
 
Domenica 22 novembre
 
Ore 9:00-10:30 / 15:00-19:00, Centro per l’infanzia “S.Dorotea”
Mostra fotografica storica
 
Ore 11:00, Chiesa parrocchiale
S.Messa
 
Ore 12:30, Sala Guidani
Buffet aperto a tutti, siete nostri ospiti
 
Durante gli orari di apertura della mostra fotografica nei locali della scuola saranno previsti per i bambini intrattenimento musicale e animazione, e si potrà fare una piccola merenda assieme. Sarà inoltre possibile richiedere informazioni per l’iscrizione dei bambini alla scuola.
 
Condividi questo articolo
FaceBook  Twitter  

Commenti  

# Giacomo Giacometti 2015-11-22 19:18
------------80 Anni ,ma non li dimostra------------

Di solito si dice così di quelle persone di età avanzata che mostrano ancora vigore fisico e capacità operative, di ragionamento e di memoria . Oltre che essere una constatazione , vuole essere anche un complimento . Ritengo che si possa dire anche per l'Asilo Parrocchiale di Casola conosciuto anche come Asilo delle Suore proprio perchè furono Le Maestre Dorotee , in accordo con la Parrocchia a dedicare tempo e risorse oltre che alle orfane , anche ai bimbi del Paese per adempiere compiutamente al volere del loro benefattore cardinale Giovanni Soglia.
L’ Asilo compie 80 anni e per l’evento sono in corso celebrazioni che vogliono richiamare alla memoria di tutti noi la presenza nel Paese di questa Pubblica Istituzione a disposizione delle famiglie Casolane .
Nel 1935 si avvia questa novità che non era orfanotrofio , ma una assistenza educativa ai bimbi del paese secondo i principi Cristiani . All'insegnament o erano dedite alcune Suore e qualche volontaria laica di cui è rimasta memoria .Nell'occasione dell'evento odierno meritano almeno una citazione.
Anche grazie a Loro la Scuola S.Dorotea
è una di quelle strutture miracolose del nostro piccolo Comune che si sono salvate dagli sconvolgimenti di questi anni ed hanno saputo stare al passo ed adeguarsi ai tempi nonostante i tanti problemi da superare.
Chi scrive (che compie l'età della Scuola) ne è stato allievo agli inizi degli anni 1940 . Nella sua ormai affollata memoria è rimasto un angolo in cui sono archiviati tanti bei ricordi di quel tempo trascorso in compagnia di coetanei . Eravamo tutti un po' imbranati e selvatici ,spesso giocosi ma anche timorosi e piangenti per la novità vissuta ed in cerca della mamma correvamo nel grembo della amata Madre di turno per avere conforto
Madre Apollonia era la virtuosa maestra di cui mi fidavo di più .Ella non amava le correzioni fatte con le punizioni o le belle scritture che riteneva essere “la scienza degli asini “ .
Cara Madre , mi hai insegnato a fare magari le aste storte ed a scrivere male, o ad essere un po' ribelle ma mi hai pure preparato a frequentare con profitto le Scuole elementari con un anno di anticipo per stare insieme a mio fratello di un anno più grande per volere di mamma che forse non si fidava di me o forse perchè risparmiava nelle spese di cartoleria.
Non ho dimenticato i giochi nella sabbia che ci hai insegnato o le sfide che ci lanciavi per farci correre nel cortile del Convento oppure i piccoli lavori che ci facevi fare con i legnetti presi dai falegnami o con le pannocchie di mais. Allora non c'erano giochi preconfezionati . Tutto era da inventare . Non ho dimenticato le preghiere che ci insegnavi ed ho sempre apprezzato fin che hai vissuto il tuo interessamento per il mio percorso scolastico
E se un giorno mancavo a Scuola, venivi nel pomeriggio ad informarti del perchè. Era anche l'occasione per bere un buon bicchiere di vino in allegria con babbo e mamma .
L'ottantesimo di fondazione dell'Asilo -Scuola Materna S.Dorotea fa rinverdire i tempi trascorsi troppo in fretta, e ci chiede se le radici che sono state innestate hanno prodotto frutti copiosi per il nostro paese. Credo che la risposta sia affermativa . Se giudicassimo diversamente , faremmo torto alla memoria delle Suore fondatrici, alle Maestre che si sono succedute, alla Parrocchia che ci spende risorse , ai genitori di ieri e di oggi che tanto hanno dato e danno ancora per assicurare efficienza a questa Scuola pubblica per confermarne la necessità in spirito di sussidiarietà e collaborazione con il sistema scolastico casolano. Auguri per almeno altri ottanta.

Giacomo giacometti

Novembre 2015

Devi essere un utente registrato per inserire commenti