Attualita

 
Da tempo sento circolare voci di una prossima abilitazione della linea dati ad alta velocita’ a Casola, una risorsa che farebbe gola a molti ma che purtroppo e’ ancora lontana dall’essere una realtà’...
L’ADSL e’ una tecnologia che permette di connettersi ad internet ad alta velocita’ sfruttando il normale cavo telefonico che gia’ arriva nelle nostre abitazioni: tramite un particolare dispositivo possono essere raggiunte velocita’ di collegamento fino a 20 volte superiori rispetto a quelle ottenibili con l’attuale connessione via modem (l’unica disponibile per connettersi ad internet da Casola).
 
Navigare con una maggiore larghezza di banda significa poter trattare piu’ agevolmente file di grosse dimensioni, usufruire di particolari servizi online, o semplicemente seguire le trasmissioni in streaming della miriade di web-tv che si stanno espandendo con sempre maggiore successo. Il web ha attraversato periodi rivoluzionari negli ultimi tempi: cambiamenti che fino a poco tempo fa consideravano sempre la soglia minima della connessione a 56k via modem, ma che ultimamente danno per scontato che tutti gli utenti di internet sano connessi ad alta velocita’. E’ sempre piu’ frequente imbattersi quindi in siti “pesanti” all’interno dei quali e’ impossibile avventurarsi con una connessione via modem.
Mille leggende si sono sentite circolare in questi ultimi tempi e mille altre se ne sentiranno, ma di fatto la Telecom non sembra essere intenzionata a cambiare la centrale e a predisporre l’impianto telefonico per la trasmissione dati ad alta velocita’. In pratica, la zona non risulta redditizia e in grado di far rientrare l'investimento economico necessario. Ma allora perche’ paghiamo un canone fisso alla Telecom esattamente come chi ha la possibilita’ di decidere se installare o meno l’ADSL?
Perche’ la centrale telefonica di Casola deve essere di serie B, mentre i costi fissi in bolletta sono gli stessi degli utenti serviti dalle centrali di ultima generazione?
Come se non bastasse, a prendersi gioco di noi sono le signorine della Telecom, che continuano a chiamare chiedendo se vogliamo sottoscrivere un abbonamento ADSL ad alta velocita', alle quali rispondo puntualmente 'ma lei sa dove sta chiamando? Non sa che qui a Casola Valsenio non c'e' la possibilita' tecnica di installare il prodotto che mi sta offrendo?!'. A questo punto, di solito, scatta il ripiego: l'offerta per la connessione via satellite, ovvero uno degli accocchi peggio ingegnati nell’era delle TLC, una connessione “zoppa” e con altissimi costi rispetto alla normale ADSL.
La parte comica di tutta la vicenda e’ che fino a Borgo Rivola l'autostrada telematica c'e'. Senza nessun problema, Cesarino&C possono sfrecciare per la grande rete a tutta velocita', senza limitazioni o restrizioni dovute alla lentezza del collegamento, senza dover rinunciare a entrare in determinati siti o accedere a particolari servizi: navigando insomma con tutta la liberta' alla quale l’oltre 90% degli italiani e’ oramai abituata da tempo. Che l’ADSL abbia poca spinta da non riuscire ad affrontare la salita della curva Capirossi? Semplicemente, Borgo Rivola dipende da un distretto telefonico diverso dal nostro e le fortunate utenze sono allacciate alla centrale di Riolo.
Potrebbero le autorità Casolare considerare il problema e fare qualcosa per smuovere le acque? Ha senso creare un comitato come quello che dopo una lunga battaglia porto’ la copertura dei telefoni cellulari nella nostra valle?
Nel frattempo, abbiamo predisposto un sondaggio sul nostro sito internet www.lospekkietto.it per monitorare quanti casolani installerebbero l’ADSL se fosse disponibile.
La situazione per ora resta invariata: un'autostrada che arriva a Borgo Rivola, dalla quale per raggiungere il nostro paesino bisogna necessariamente uscire e imboccare un lento e tortuoso sentiero di montagna.

Francesco Rivola

Mercoledi' 4 novembre si e' svolto presso la parrocchia di Casola l' esame di qualifica a soccorritore di primo livello per una decina di confratelli della Misericordia.

Domenica 7 novembre 2004 il Comune di Casola Valsenio ricorda e festeggia l’Unità Nazionale e le diverse rappresentanze delle Forze Armate Italiane. Un momento di commemorazione pubblica per ricordare ed onorare i caduti che hanno combattutto per liberare e rendere unita l’Italia. Alle ore 10,00 è previsto il ritrovo davanti al Municipio dove verranno suonate musiche di celebrazione da parte del Corpo Bandistico “G. Venturi”. Seguirà la formazione del corteo con le bandiere delle associazioni combattentistiche e d’arma con successiva deposizione e benedizione della Corona al Monumento ai Caduti.
Troppe volte capita che ciò che conta davvero non sta tanto in quello che viene realizzato in sè, oggettivamente, ma nella percezione che di ciò hanno le parti coinvolte. Così può accadere tra chi da un lato ha il compito di governare e conquistarsi fiducia, le istituzioni, e chi dall'altro vive in prima persona una determinata realtà locale, i cittadini.
Abbiamo tentato di sondare questa ipotesi trattando un argomento delicato ma di vitale importanza: interessi e bisogni degli adolescenti in una piccola comunità.
Il metodo più efficace per procedere in questa direzione ci è sembrato quello di una sorta di intervista doppia. Cinque domande semplici e dirette, rivolte contemporaneamente, talora con inevitabili minime modifiche nella forma, al nuovo Assessore alle politiche giovanili Nicola Iseppi, e ad un campione rappresentativo di giovani casolani di età compresa tra i 12 e i 18 anni.

Ma cos'è l'Università? Come raccontarla a chi non l'ha sperimentata?
L'università è... una SCUOLA DI VITA.
Prendiamo in prestito questa massima per dirvi che là dentro si cresce.
Finalmente non c'è più babbo che firma le giustificazioni, i voti, le note...Là si rivolgono a te, dandoti del lei. Che forte!

Benvenuto nell'area video de Lo Spekkietto

> i nostri video di durata inferiore a 10 minuti
> i nostri video di durata superiore a 10 minuti
Caro Spekkietto,ho deciso di scriverti questa semplice lettera, perché sono sicuro che, almeno tu avrai la pazienza e la voglia di ascoltarmi.
Sai, non so se ricordi, ma quando poco più di un anno fa scoppiò la guerra in Iraq (perché, tengo a ricordare anche ai più sbadati che è di guerra che si tratta e per fortuna stanno cominciando ad accorgersene anche all'O.N.U. - era ora!), in Italia, da bravi amanti del calcio e del bipolarismo, si definirono, nel giro di pochi giorni, due grandi correnti, due grandi squadre: interventisti ed antinterventisti o, per chi preferisce filo-americani ed anti-americani.

Raccontare un’esperienza di volontariato come quella che ho scelto di fare per quindici giorni non è facile. Sicuramente le cose da narrare sono tante e non tutto si riesce a scrivere in un foglio. Tenterò quindi di raccontarvi la Moldavia che ho visto io, a descrivere le mie esperienze e sensazioni provate in quei giorni, dedicati a una terra, a un popolo e soprattutto a bambini meno fortunati.

Lunedì 18 ottobre 2004 il Paese delle Erbe e dei Frutti Dimenticati ricorda un importante personaggio della sua storia e della sua vita culturale. Quello in programma per la mattinata, infatti, si pone come momento di ricordo per la figura dello scrittore, storico, drammaturgo e pubblicista Alfredo Oriani. Il Comune di Casola Valsenio e la Fondazione 'Casa di Oriani' di Ravenna hanno così deciso di dedicare una giornata di commemorazione per il 95° anniversario della morte del grande inquilino del Cardello.

Chissà se Cristoforo Colombo sarebbe partito lo stesso se, al posto delle caravelle, avesse trovato delle zattere...?
Avete presente quella pubblicità dove si dice che occorrono i mezzi giusti in tutte le situazioni?
Io non ci credo, penso invece che... sì ... sarebbe andato comunque, perché quando si ha voglia di partire, basta un qualsiasi pretesto per andare altrove.

Siamo abituati a “controllare”, se così si può dire, l'andamento dei lavori pubblici del nostro Comune, non per critica si intende, ma per l'interesse che proviamo nei confronti del nostro paesino.
Ho quindi chiesto all'Architetto Fausto Salvatori, responsabile dell'Ufficio Tecnico del Comune, che ringrazio per la disponibilità, di scriverci il seguente 'aggiornamento' al riguardo.

Tutti per le vie Casolane si chiedono chi è, molti lo considerano un insetto transgenico, alcuni una nuova specie che si è evoluta quest’anno, derivata da un incrocio anomalo tra una cimice ed una cavalletta.

Ancora una volta il nostro paese ha visto partire alcune volontarie verso luoghi bisognosi di aiuto. Abbiamo intervistato Valentina Righini che ha appena concluso un'esperienza di volontariato in Romania.

Vorrei solo esprimere una considerazione su ciò che è stato scritto da Gaicomo Giacometti nella sua dettagliata descrizione della visita Pastorale di Mons. Ghirelli a Casola. Naturalmente il punto che mi interessa è quel richiamo al ruolo della stampa locale che ha trascurato l'evento.

Mons. Tomaso Ghirelli, Vesovo della nostra Diocesi, ha voluto trascorrere con noi alcune giornate e, sovvertendo una prassi propria delle visite pastorali nelle parrocchie, ha voluto conoscere il nostro tessuto sociale ed economico, visitando la zona artigianale di Valsenio, interessandosi con curiosità e competenza delle attività delle varie piccole e grandi industrie casolane, apprezzandone il notevole livello tecnico e la competenza riscontrata nel personale addetto.